Home » Consigli per Risparmiare » Assicurazione Autocarro e Veicoli commerciali: come risparmiare

Assicurazione Autocarro e Veicoli commerciali: come risparmiare

Assicurazione autocarri e veicoli commerciali
Assicurazione autocarri e veicoli commerciali: ecco le cose da sapere per risparmiare



Oggi prendiamo in esame una categoria di mezzi specifica, quella dei veicoli commerciali, ovvero gli autocarri e camion, ma parleremo anche di mezzi speciali e di rimorchi. Si tratta nella maggior parte dei casi di veicoli utilizzati per lavoro e intestati ad imprese, professionisti o società. Il costo dell’assicurazione è, purtroppo, spesso molto alto, complice l’elevato grado di rischio attribuibile a questi mezzi.

E’ comprensibile, in quanto un autocarro, se usato per lavoro:

  • Percorre in media molti chilometri, ben più di un’automobile.
  • Può essere guidato da dipendenti, con profili di rischio tra i più disparati, anche neopatentati.
  • E’ più ingombrante di un’auto, ha minore visibilità e quindi più soggetto a piccoli urti, specie in città.
  • La circolazione stradale per fini lavorativi comporta fretta ed una minore attenzione.
  • Tendono a deteriorarsi precocemente: più aumentano le… ammaccature e minore è l’attenzione nell’uso.
Assicurazione autocarri e veicoli commerciali
Assicurazione autocarri e veicoli commerciali: ecco le cose da sapere per risparmiare

Questi sono solo alcuni dei fattori che portano un autocarro ad avere un profilo di sinistrosità alto, ma vi sono anche altri aspetti penalizzanti:

  • Ogni mezzo di un’impresa o società deve avere il proprio storico assicurativo, ognuno partirà dalla classe CU 14.
  • Non è possibile applicare la legge Bersani (unica eccezione: le ditte individuali).
  • Non è possibile trasferire la classe di un mezzo privato proprio, neanche se si è soci, ne’ titolari dell’impresa.
  • Cambiando ragione sociale (ad esempio passando da SNC a SRL), si perdono le classi di merito di tutti i mezzi e ognuno riparte da CU 14.

Sugli aspetti appena elencati non possiamo farci niente, ma ci sono alcune accortezze per cercare di minimizzare il costo della polizza.

I “segreti” per Risparmiare

1- Introdurre una franchigia nell’assicurazione

Fino a pochi anni fa le polizze per autocarri venivano generalmente stipulate in formula “con franchigia” anziché bonus-malus. Sappiamo bene che oggi è obbligo per ogni mezzo avere la propria Classe Universale con partenza dalla Classe 14, ma questo non impedisce che possa comunque essere introdotta una franchigia sulla polizza, in genere di 500 o 1.000 euro.
La franchigia da due vantaggi: il primo è quello di avere un premio annuo più basso, il secondo è quello di non avere malus in caso di piccoli sinistri di entità entro la franchigia.

Per approfondire questo aspetto vi suggeriamo la lettura del nostro articolo: la franchigia nelle polizze RCA con bonus/malus.

2- Attenzione alla portata massima

Stiamo parlando dei famosi “quintali”. La maggior parte delle polizze RC per autocarri calcolano il premio sulla base della massa a pieno carico del mezzo, ad esempio in genere per i furgoni guidabili con patente B questo valore è pari a 35q. Ebbene, a minore portata corrisponde un costo minore della polizza, di questo tenete di conto quando scegliete il vostro mezzo commerciale, ovvero meglio non prenderlo sovradimensionato rispetto alle esigenze di trasporto.
Da notare che volendo è anche possibile “declassare” molti mezzi, previo nulla osta della casa produttrice, diminuendone la portata utile e dunque i costi di gestione. Opzione interessante per chi avesse acquistato un mezzo sovradimensionato rispetto alle proprie esigenze.

Stesse considerazioni valgono per il bollo, quindi è doppio il vantaggio di avere portate non eccessive.

3- Potenza ed età del mezzo hanno poca rilevanza

Sulle auto ne hanno invece molta. Se avete imparato a calibrare i vostri acquisti di auto in base a questi parametri, sappiate che per gli autocarri questi sono praticamente irrilevanti. Cosa significa? Significa che un furgone nuovo di fabbrica da 35 quintali costerà di assicurazione esattamente quanto un vecchio e malandato furgone di 20 anni, sempre da 35q. Un mezzo con un moderno motore turbodiesel potente pagherà, a parità degli altri fattori, come un mezzo dotato di un modesto diesel aspirato.

A differenza della auto, dunque, non è penalizzante per l’assicurazione andare ad acquistare mezzi datati, ne’ mezzi molto potenti. La differenza la fa la massa complessiva (come detto al punto 2).

4- Immatricolare come “uso speciale” (laddove possibile)

Questo è un punto molto importante e spesso sconosciuto a molti. Vi è un gran numero di autocarri che vengono adibiti non tanto a trasporto generico di merci, quanto ad usi specifici. Qualche esempio? Officina mobile, autonegozio, trasporto di attrezzature speciali, uso ufficio. Ebbene questi mezzi possono essere immatricolati come “uso speciale”, previo collaudo e indicazione a libretto dell’uso specifico e delle eventuali attrezzature montate a bordo. A parità di quintali di portata massima, un autocarro ad uso speciale ha un risparmio sulla polizza che può variare dal 20% al 40%, in base al tipo di mezzo e al tipo di uso, oltre che in base alla singola compagnia.

Questa è un’opportunità che dovrebbero sfruttare tutti coloro che ne hanno la possibilità. Non solo: se sul mezzo vi sono montate attrezzature fisse, l’indicazione dell’uso specifico rende il mezzo più conforme al codice della strada rispetto alla generica immatricolazione come autocarro.

Un esempio? Un classico caso in cui questa opportunità non è sfruttata lo vediamo spesso presso gli autoriparatori, i centri di assistenza tecnica e le officine meccaniche in genere. Spesso i furgoni vengono allestiti con scaffali, armadi, utensili, compressore e generatore, ma continuano ad essere immatricolati come generici autocarri. Passando ad un uso speciale come “officina mobile” si ha un buon risparmio che compensa velocemente il costo del collaudo presso la Motorizzazione.

Non solo: un mezzo ad uso speciale paga meno di bollo (tassa di possesso). La misura varia da regione a regione. Altri vantaggi dei mezzi ad uso speciale, da verificare comunque caso per caso, sono l’esenzione del cronotachigrafo, la possibilità di circolare durante i giorni festivi (anche per i grandi camion) e la deroga ai blocchi dovuti alle norme anti inquinamento (ad esempio in certi tunnel e valichi).

5- Rivolgersi ad un broker assicurativo

Le assicurazioni per autocarri, rimorchi e mezzi speciali non hanno i potenti strumenti web disponibili per le polizze di auto e moto, o almeno non ancora. Vi risulterà difficile quindi calcolare dei preventivi online e quasi impossibile usare dei comparatori per trovare la tariffa migliore. Del resto le differenze di prezzo e condizioni tra compagnie possono essere marcate, per questo la cosa più consigliabile è quella di rivolgersi ad una agenzia o ad un broker assicurativo che faccia il lavoro di comparazione e proponga il prodotto migliore. Va da se che per avere un effettivo risparmio occorre rivolgersi a broker capaci ed onesti.

Assicurazione Online per mezzi commerciali

Per chi preferisce il “fai da te”, segnaliamo che al momento è possibile fare dei preventivi online per veicoli commerciali con alcune compagnie online, in genere per mezzi fino a 35 quintali. Per le altre assicurazioni online è in genere possibile avere dei preventivi telefonici chiamando il call center. Vi indichiamo di seguito i link diretti:

Per partecipare a questo argomento, o per domande al nostro esperto di assicurazioni, scrivete pure nel modulo commenti qui sotto.


6 commenti

VUOI FARE UNA DOMANDA? VAI IN FONDO ALLA PAGINA, OPPURE RISPONDI AI TUOI MESSAGGI PRECEDENTI
  1. Raffaele

    Buongiorno, un veicolo isotermico (con cela frigo), con indicazione su libretto di autoveicolo ad uso specifico – conto proprio, fa parte dei veicoli ad uso speciali assicurabili con i sudetti sconti?
    Coordiali saluti

  2. Antonio Cazzaniga

    Buongiorno,
    le informazioni fornite nel vostro articolo non sono complete: Genialloyd non è l’unica compagnia a dare la possibilità di fare preventivi online per i mezzi commerciali fino a 35 quintali.
    Anche altre compagnie lo fanno

    • Esperto
      Esperto

      Grazie della segnalazione Antonio, al momento della stesura dell’articolo non erano presenti altre compagnie. Ho spostato i link che hai segnalato direttamente nell’articolo, saranno utili per tutti!

  3. Felice

    Salve sono un invalido disabile , e possibile trasformare la destinazione d’uso dell’auto es: autovettura van a 7 posti , richiedere l’uso promiscuo trasporto cose e passeggeri eo autocarro ?
    Rientrerei in qualche forma di agevolazione posseggo la L. 104 !
    Grazie e distinti saluti.

    • Esperto
      Esperto

      L’uso promiscuo non è più contemplato, ma puoi trasformare in autocarro se il modello lo prevede. Meglio farsi assistere da una agenzia molto esperta di queste pratiche. Per quanto riguarda le agevolazioni di cui alla legge 104, ti rimando al nostro aspecifico approfondimento.

Scrivi il tuo messaggio

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)