Home » In caso di Sinistro » Risarcimento Diretto assicurazione: funzionamento e problemi

Risarcimento Diretto assicurazione: funzionamento e problemi

RCA Risarcimento Diretto
Risarcimento Diretto: il modulo CID non è obbligatorio ma velocizza!



Se state leggendo questo articolo, probabilmente avete subito recentemente un sinistro e volete capire come funziona la pratica di risarcimento.  Non tutti sanno che, già dal 2007, la procedura è stata radicalmente cambiata, attribuendo l’onere del risarcimento della parte lesa alla propria compagnia assicurativa, che poi provvederà a rivalersi sulla controparte. Questa procedura prende il nome di risarcimento diretto, o anche indennizzo diretto, e nasce con l’intento di  velocizzare la liquidazione dei “piccoli” incidenti (vedremo in seguito cosa si intende per “piccoli”).

Questa procedura funziona? Ha portato reali benefici agli automobilisti? Vediamo intanto in che cosa consiste, nel dettaglio. In pratica, la parte che in un sinistro risulta danneggiata e deve quindi ottenere un risarcimento per la riparazione del proprio veicolo, può (anzi, deve) richiedere l’indennizzo dei danni subiti direttamente alla propria assicurazione, anziché a quella della controparte.

RCA Risarcimento Diretto
Risarcimento Diretto: il modulo CID non è obbligatorio ma velocizza!

Vediamo quali sono le tipologie di sinistro per le quali è applicabile il Risarcimento Diretto:

  • Innanzitutto, i veicoli coinvolti nel sinistro devono essere soltanto 2.
  • I veicoli possono essere indistintamente auto, moto, autocarri o ciclomotori (ma solo se hanno la nuova targa).
  • Non devono esserci gravi danni a persone: viene fissato come limite massimo una invalidità permanente del 9%.
  • I veicoli coinvolti devono avere entrambi assicurazione Italiana.
  • In caso di sinistro con un veicolo non assicurato, non interviene il risarcimento diretto bensì il “Fondo per le vittime della Strada”.

La procedura per ottenere il denaro è piuttosto semplice: si deve presentare al proprio assicuratore una denuncia dell’incidente, meglio, ma non obbligatorio, se è accompagnata dal CID (modulo di Convenzione Indennizzo Diretto, più noto come “modulo di constatazione amichevole”) correttamente compilato. La propria assicurazione è obbligata a fornire la massima assistenza in questa fase, ad esempio aiutando il cliente nella compilazione di tutti i moduli necessari, poi ha 60 giorni per formulare al cliente una propria proposta di risarcimento. Se è presente il CID, questo tempo è di soli 30 giorni, motivo in più per utilizzare il modulo.
A questo punto la parte danneggiata può scegliere se accettare o meno la proposta della propria assicurazione, la quale a sua volta deve liquidare quanto pattuito entro 15 giorni.

A nostro avviso questa procedura è una novità importante, e non solo perché semplifica e velocizza la liquidazione di piccoli sinistri dove la responsabilità è evidente, ma anche per un altro motivo. Fino al 2007 infatti molte persone non si sono interessate della serietà e correttezza della propria compagnia di assicurazioni, in quanto la propria compagnia avrebbe liquidato”gli altri”. Adesso invece, in caso di sinistro, dobbiamo “trattare” con la nostra compagnia, quindi è importante più che mai stabilire un rapporto di fiducia. Questo, negli intenti del legislatore, dovrebbe favorire una maggiore concorrenza tra le compagnie, a favore del consumatore, ma purtroppo, come descriveremo in seguito, il risultato è diverso dalle aspettative.

Da quanto abbiamo appreso in questi anni di applicazione del metodo, non sono  mancati problemi e lamentele. L’aspetto più criticato riguarda l’entità dei risarcimenti. La prima proposta della propria compagnia risulta infatti spesso decisamente bassa, non sufficiente alla riparazione del veicolo, tanto da rendere necessaria una contro-richiesta che si concluderà probabilmente con una cifra intermedia. Tutto questo è previsto dalla procedura, ma ne vanifica l’intento di velocizzazione e crea frustrazione nell’automobilista, che, in caso di danni rilevanti, ritiene anche opportuno farsi assistere da un legale, ponendosi in contrasto con la propria compagnia, che dovrebbe invece tutelarlo, specie in caso di sinistro con ragione.
Tra i motivi che portano le compagnia a risarcire cifre modeste c’è la procedura di re-indennizzo alle compagnie, effettuata dalla “Stanza di Compensazione”, che effettua rimborsi forfettari, senza quindi certezza per la compagnia, che rischia di subire un passivo dalla gestione della procedura. Il meccanismo è decisamente sbagliato e le conseguenze sono tutte a sfavore dell’utente finale.

L’altro aspetto riguarda la tanto auspicata riduzione della tariffe che avrebbe portato con se’ questa “rivoluzione”… come è evidente, non è accaduto.

Ultimo aspetto, ma decisamente fastidioso per chi vi è incappato, quello dei sinistri fantasma. Una delle caratteristiche della procedura è infatti quella che il CID ha validità anche senza le firme congiunte. Questa novità nasce ovviamente con intenti giusti, tuttavia la facilità nell’ottenimento del rimborso fa molta gola ai “professionisti” truffatori! Pensate che sono in migliaia gli automobilisti che si sono visti applicare un malus al rinnovo, scoprendo di essere stati penalizzati come parte con torto in sinistri mai commessi e liquidati senza batter ciglio (e senza comunicazione!) dalla compagnia della controparte… per carità, auspicabilmente con buona fede da parte delle compagnie. Spesso risulta difficile difendersi, ma soprattutto, l’automobilista è lasciato da solo in questa bufera, non tutelato dalla propria compagnia che non può che prendere atto di un sinistro liquidato.

Per chi volesse approfondire l’argomento, vi segnaliamo il documento ISVAP (IVASS) sul risarcimento diretto che potete scaricare in PDF e stampare (3 pagine).

Se volete, raccontateci le vostre esperienze sia positive che negative con la pratica dell’indennizzo diretto, scrivendole qui sotto nell’area commenti, saranno una testimonianza molto preziosa!


2014-09-10

56 commenti

VUOI FARE UNA DOMANDA? VAI IN FONDO ALLA PAGINA, OPPURE RISPONDI AI TUOI MESSAGGI PRECEDENTI
  1. marco

    bella cosa il cid! .intanto anche la vostra compagnia gioca al ribasso,come farebbe l”altra assicurazione,del valore della macchina vi offre di meno parlando del valore commerciale,poi se avete spese extra ,carro attrezzi,demolizione della macchina a causa del sinistro,vi dice di rivolgersi alla controparte,poiche” loro liquidano solo il danno ed eventuali feriti.quindi cosa e” cambiato? a cosa serve il cid? anche la vostra assicurazione non vi tutela….serve sempre l”avvocato! sperate sempre di non avere un sinistro altrimenti sono guai e soldi da sborsare…

    • Esperto
      Esperto

      Non posso che condividere i tuoi dubbi!

  2. Salvatore

    Salve , circa 5 mesi ho avuto un incidente con la mia moto, un autocarro senza accorgesene nel sorpassare mi ha buttato giù. Sono stato soccorso dall’autoambulanza ma non sono intervenute le forze dell’ordine. Grazie ad un passante sono riuscito ad avere il numero di targa del veicolo che mi ha fatto cadere. Dopo due giorni mi sono portato presso il soggetto titolare di una azienda e quando ho spiegato l’accaduto lui stesso considerato che gira parecchio mi ha confermato che in quel giorno a quell’ora si trovava li e gentilmente si è offerto di compilare il CD firmandolo entrambi. Sono stato risarcito del tutto e dopo 5 mesi mi ha contattato il soggetto riferendomi che è stato chiamato dalla sua assicurazione che lo informava che dall’unibox non risultava il sinistro, lui in quel giorno non si trovava li e mi ha detto che ha dovuto fare una dichiarazione dicendo che possibile che sia stato un errore di targa così tale da respingere la richiesta da parte della mia assicurazione e mi chiede di inviare io una rinuncia di quello percepito alla mia assicurazione. Come mi devo comportare? A cosa vado incontro? Grazie

    • Esperto
      Esperto

      Bel problema. Io penso che la verifica sulla scatola nera la avrebbero dovuta fare prima del risarcimento, quindi adesso deve spettare a loro l’onere di riottenere quanto versato. Troppo comodo chiedere indietro i soldi versati! Consultati con la tua assicurazione, ma tendenzialmente io non farei la rinuncia, ma aspetterei una loro richiesta formale, e anche in quel caso potresti valutare di aspettare le eventuali vie legali.

      • Salvatore

        Il risarcimento è stato fatto dalla mia assicurazione. Adesso quello che mi chiedono di fare rinuncia e chiedere le modalità di rimborso. Mi sembra di sognare. Seguo il vostro consiglio di aspettare una ruchiesta formale e poi valutare di appoggiarmi ad un legale. A titolo informativo : cosa sarebbe la cassa di compensazione?

        • Salvatore

          Proprio oggi mi è arrivata una raccomandata dal soggetto e no dall’assicurazione dove mi informa che ha discosciuto il sinistro per i motivi che meglio ha indicato nella lettera inviata in allegato. Come mi devo comportare in questo caso? La mia assicurazione mi dice di proseguire ma se lo faccio quali potrebbero essere le conseguenze? Potrebbero fare rivalsa sul mio conto? E la controparte se ne uscirebbe illesa? Come funziona in questo caso quando la mia assicurazione non si vede arrivare i soldi dalla controparte perché hanno discosciuto il sinistro?

        • Esperto
          Esperto

          Io inizierei a prendere in considerazione di rivolgersi ad un avvocato

        • Esperto
          Esperto

          La “stanza di compensazione” è la pratica del risarcimento diretto.

  3. Anon

    Salve, domenica ho avuto un piccolo incidente in scooter a causa (anche) dell’asfalto bagnato. Posseggo una patente A1 e l’assicurazione del veicolo è intestata a mia madre.
    Le dinamiche sono queste:
    Mi appresto a sorpassare a sinistra in una zona dove ahimè non si potrebbe, il conducente dell’auto che mi precede fa una manovra rapida verso sinistra ed io per evitare un tamponamento ben più grave, freno ed il mio scooter inizia a sbandare, (ero a bassa velocità, sotto i 20) per mancata mia esperienza mi sono trovato ad accelerare energicamente su asfalto bagnato mentre il veicolo non si era ancora ripreso e cado a terra senza urtare il veicolo.
    Il proprietario corre via, non conosco la targa ma dovrei riuscire a reperirla grazie alle telecamere lì presenti. Posso, secondo lei, chiedere il risarcimento dei danni al motorino in circostanze di sinistro del genere? Il torto non è tutto dalla sua parte.. ma lui avrebbe dovuto soccorrere (omissione di soccorso e “fuga”) e avrebbe dovuto fare del suo meglio per portarmi a compimento della mia manovra di sorpasso, cosa che non ha fatto, anzi mi ha ostacolato causando buona parte dell’accaduto. Che mi consiglia di fare?

    • Esperto
      Esperto

      Impossibile dare un giudizio senza avere la piena cognizione dei fatti, non si capisce infatti quanta responsabilità possa essere attribuita all’auto, ne’ se effettivamente egli si sia accorto o meno dell’incidente.

      • Anon

        E secondo lei c’è possibilità che mi risarciscano?

        • Esperto
          Esperto

          Come dicevo, non è possibile dare qui una previsione sull’attribuzione delle responsabilità.

      • Anon

        Dell’incidente se ne è chiaramente accorto, si è fermato un attimo dopo avere sentito il tumulto, ed è subito andato via.
        Ma posso comunque sporgere denuncia per l’accaduto o il fatto che possa avere torto dovrebbe trattenermi dal farlo?

        • Esperto
          Esperto

          Se l’altro mezzo non ha danni, tu non rischi niente ad aprire denuncia presso l’assicurazione, quindi se vuoi provarci…

  4. Viktoria

    Buona sera, ho avuto un incidente sull’autostrada.Marciavo sulla prima corsia,alla mia destra corsia d’emergenza, ad un certo punto sento un boato alla mia sinistra e la mia macchina si gira a 90 gradi e finisce davanti al tir attaccata con le due portiere (parte del guidatore). Il tir mi aveva trascinata per 200metri spingendo la mia macchina verso la corsia d’emergenza.non ci siamo fatti male, ne io e nemmeno l’autista del Tir. Mentre guidavo la mia autovettura non avevo nessuna intenzione di cambiare la corsia nemmeno sorpassare il cammion, andavo a 84 km all’ora. L’autista del Tir mi ha colpevolizzata senza nessun motivo dicendomi сhe stavo parlando al telefono mentre guidavo e per di piu’secondo lui guidavo sulla corsia d’emergenza, ma non e’assolutamente vero.Poi e’intervenuta subito la polizia , ora devono ricostruire la dinamica dell’incidente.Secondo lei come andra a finire tutto questo? chi ha torto?chi ha raggione? Nel trascinare la mia macchina sono scoppiate pure 4 ruote e sono dannegiati 2 dischi, la portiera posteriore lato sinistro e sciacciata dentro la macchina mentre il vetro di quella portiera si e’spaccato completamente.Non vivo piu’una vita normale,mi sta venendo in mente quel momento in cui la mia macchina era stata tamponata da questo maledetto tir. Ho vissuto un inferno.Sono felice сhe sono rimasta in vita e’un dono piu’prezzioso che io possa avere. La ringrazio in anticipo per la sua risposta.

    • Esperto
      Esperto

      Impossibile dare una risposta, dipende dai rilievi, soprattutto sulla carreggiata, testimonianze, ecc. E’ fondamentale ricostruire le posizioni dei veicoli.

  5. Simone

    Salve io ho fatto un incidente con una moto che affiancandomi e tagliandomi, la strada mi ha spinto contro un marciapiede, abbiamo firmato il cid dove ammetteva la sua colpevolezza, e inoltrato tutto all’assicurazione, il perito che ha visionato la macchina ha detto che si raggiungeva il massimale, e una volta messi d’accordo con l’assicurazione per la cifra e è che loro ci hanno portato la macchina presso il loro demolitore e rottamata, da dicembre non abbiamo ricevuto niente e l’assicurazione dice che non ci pagano perché la controparte non ha portato a far periziare il veicolo, come dovrei muovermi ?

    • Esperto
      Esperto

      Invia un sollecito scritto e ben circostanziato per raccomandata a/r.

  6. Gregorio

    Salve, laltro giorno facendo retromarcia con la mia auto ho abbattuto uno scooter, procurando dei graffi su di una fiancata e una barra di plastica che si è staccata. Subito dopo laccaduto mi sono scusato con il proprietario del motorino ma per la fretta non abbiamo parlato di niente..ci siamo solamente scambiati i numeri del cellulare per risentirci la settimana prossima. Ecco vi scrivo per capire adesso cosa conviene fare..faccio prima a dargli i soldi che coprono piuomeno il coato del danno complessivo oppure ricorrere alle pratiche cid e vi dicendo?il danno non sembra grosso..vorrei avere qualche consiglio..grazie!!!!

    • Esperto
      Esperto

      Se cerchi qui sul sito abbiamo un articolo che fa proprio al caso tuo: “Piccolo incidente: conviene risarcire direttamente la controparte?”

  7. Gianluca

    Salve, l’11 gennaio 2017 la mia compagna cointestataria del veicolo nuovo con rca a mio nome, ha avuto un incidente con ragione in quanto chi ha procurato il danno (per fortuna lieve solo una strisciata) per non chiamare i vigili ha scritto sul cig nelle osservazioni la frase ben leggibile “dichiaro di avere torto” nella sua parte, con tanto di firme. Il giorno stesso abbiamo inviato il tutto alla mia assicurazione tramite email, ma solo oggi ci siamo accorti che l’ultima lettera della nostra targa è stata scritta sbagliata sul cid. Premetto che era buio e il documento l’ha compilato la controparte perché la mia compagna non era molto pratica. Cosa dobbiamo fare? C’è il rischio che l’assicurazione contesti questo piccolo errore nonostante le firme e la dichiarazione di colpevolezza?

    • Esperto
      Esperto

      Inviate una rettifica, non ci saranno problemi, è un evidente errore formale.

  8. Tiziano

    Salve volevo chiedere un informazione io il 2 di Dicembre de 2016 ho subito un danno al portellone dietro della macchina premetto che la macchina era parcheggiata e io non cero, praticamente un autoarticolato facendo manovra in retromarcia mi ha urtato sfondando il portellone dietro io sono stato avvertito dell’accaduto da un collega di lavoro ed e’ stata fatta una foto che ritrae lautoarticolato con il lato destro vicino alla mia macchina poi il camionista negando il danno se ne e andato io con la foto ho fatto denuncia presso la mia assicurazione ma nonostante cio lassicurazione della controparte ci ha comunicato che il proprio assicurato nega il fatto purtroppo chi ha fatto la foto non vuole testimoniare quindi la mia assicurazione non sa se il liquidatore paghera il danno nonostante ci sia la foto del camion con il didietro attorno alla mia autovettura

    • Esperto
      Esperto

      Non è escluso che tu abbia il risarcimento. Facci sapere.

  9. Francesco

    Salve , volevo chiedere un informazione io tre mesi fa sono stato tamponato la persona che mi ha tamponato ha ammesso le colpe e mi ha fatto il cid , io per star a sentire ad un amico ho dato il cid a uno ma questo sono 3 mesi che mi porta a kiakkiere oggi mi chiama e mi dice che forse dobbiamo andare in causa , io subito sono andato dalla mia assicurazione gli ho spiegato tutto e mi hanno detto che ho.sbagliato a dare il cid a questa persona perche lui vuole perdere tempo per prendere piu soldi adesso la mia assicurazione mi ha dato il numero del liquidatore e mi hanno detto che posso chiamarlo e mettermi daccordo e giusto ? Graxie

    • Esperto
      Esperto

      “a uno”, e chi sarebbe? La tua assicurazione mi pare molto cortese ad accettare la tua denuncia tardiva, fai fare a loro, ma seguili perchè ci sarà certamente da trattare per la cifra.

      • Francesco

        Grazie per la risposta lo dato a un perito, ma il perito della assicurazione forse mia non ho capito bene dice che l urto non e compatibile perche ,? Se ho il cid e tutto , lei dice che mi pagano ? Perche non posso stare con la macchina cosi come faccio ? Grazie

        • Esperto
          Esperto

          Se sei stato tamponato e ciò è dichiarato a doppia firma nel CID; non vedo problemi, se non vi sono problemi formali di qualche tipo.

  10. Paolo

    Dopo aver ottenuto il risarcimento diretto dalla mia compagnia, mi ritrovo una citazione presso il giudice di pace da parte del proprietario dell’ altra auto coinvolta, che sostiene la mia totale colpa dell’ incidente e chiede a sua volta il risarcimento, rivolgendosi anche alla mia compagnia.Avendo in polizza l’ assistenza legale, devo presenziare all’ udienza, e soprattutto, è normale e possibile una tale richiesta a risarcimento avvenuto?

    • Esperto
      Esperto

      Tutti possiamo citare in giudizio chi riteniamo opportuno, certo è che dobbiamo valutare bene questa opportunità… perché in un caso del genere, a meno di cose clamorose, non vedo come il giudice possa dare a lui ragione, dopo che un perito ha già valutato il sinistro.

  11. ale

    il data 01 agosto per distrazione ho tamaponato un palo della luce posto nel mezzo di un incrocio

    l’auto che mi seguiva non manteneva la distanza di sicurezza e mi ha tamponato

    non è stato fatto il cid in quanto la tamponatrice sostiene che io l’avrei colpita rimbalzando all’indietro

    sono stati chiamati i vigili che han fatto i rililevi

    alla quasi tre mesi dal fatto la mia assicurazione non ha ancora liquidato il danno al carrozziere, sostenendo che l’altra parte contesta la mia versione secondo la quale sarei stato tamponato.che fare?

    • Esperto
      Esperto

      ma la denuncia come è stata fatta?

  12. daniele

    nel 2014ero fermo su in ponte in leggera salita, nel ripartire la macchina che avevo davanti mi é venuta addosso colpendomo davanti. il comducenre é sceao ed ha iniziato ad inveire contro di me dicendo che lo ho tamponato e inveendo contro di me. ho chiamato i carabinieri e mi hanno detto di presentare una denuncua cautelativa. chiamo, dicharo quanto successo e poi non ho aaputo piu nulla. dopo qualche mese rinnovo l’assicurazione senza guardare l’atrestato di rischio. ora sta per arrivare la nuova scadenza, ho guardato l’attestato si rischio e mi trovo un 50℅ di colpa. gli operatori non sanno darmi spiegazioni e dicono che mi contatterà un liquidatore. cosa posso fare adesso? devo denunciare chi ha fatto il falso incidente o l’assicurazione? premettendo che avevk specificato che entrambe le macchine non avevano avuto alcun segno di rottura.
    grazie

    • Esperto
      Esperto

      L’attribuzione del 50% è corretta in un caso come questo dove ci sono due versioni discordanti. Un testimone vero a tuo favore avrebbe fatto comodo. Per quanto riguarda la liquidazione dei danni, cerca di capire quanti ne sono stati pagati, in ogni caso anche se ci sono incongruenze è molto difficile contestare l’operato dei periti, a meno che tu non abbia foto e altre prove. In ogni caso, non avrai un malus fino al prossimo sinistro anche con 1% di torto.

  13. Chicca

    Ho subito un tamponamento, in mia assenza, mentre la mia auto era parcheggiata sul luogo di lavoro durante la retromarcia della controparte. Il parcheggio e’ munito di telecamere e non avendo avuto alcuna segnalazione del conducente responsabile ho chiesto alla mia azienda la revisione delle immagini che, come ha detto la persona addetta, mostrano chiaramente l’urto e la macchina (perfino la persona) che mi ha provocato il danno. Poiché’ vi è solo un dipendente con quella auto l’ho cercata e ha ammesso la sua responsabilità anche se con un po’ di reticenza. Seguono scambi di sms per accordarci sul giorno in cui fare la constatazione ma ecco che saputa l’entità del danno ha ritrattato negando l’accaduto. Ebbene dopo 6 mesi nulla di fatto, la mia compagnia ha attivato i periti che hanno confermato l’entità’ del danno e ho segnalato la presenza di registrazione in possesso della mia azienda. Morale? La mia compagnia non ha richiesto la visione delle prova secondo le norme previste dalla video sorveglianza e così mi ha liquidata dicendo di non poter provvedere al risarcimento del danno poiché non risulta responsabilità della controparte! Ma è possibile? Devo rivolgermi ad un legale?

    • Esperto
      Esperto

      Certo, avvocato senza esitazioni!

  14. Carlo

    Salve, ho tamponato un’auto in rotatoria , che alla vista di un veicolo C che accennava ad immettersi in rotatoria , ha arrestato il mezzo , ed io non ho avuto modo di non tamponarlo. Abbiamo scelto di non compilare il CID , se non ognuno nella propria assicurazione ! Pensate che posso accedere ad un concorso di colpa , o ho la colpa al 100% ? Mi conviene rivolgermi , sin da subito ad un legale ? Grazie anticipatamente .

    • Esperto
      Esperto

      Hai tamponato, hai torto, non c’è molto altro da dire. L’avvocato non serve, ma non capisco perchè non abbiate fatto il CID (anzi: CAI)

  15. Mariana

    Buona sera. il scorso anno il 29 dicembre 2015 un TIR a voluto sorpassarmi e dal altra corsia venivano delle macchine che tra l altro era su una strada stretta e mi ha preso in pieno dalla parte sinistra dietro dal faro fino alla porta e mi ha buttata dei cassonetti che erano sulla strada, e lui e scapato io sono corsa davanti a fermarlo ho chiamato i Vigili fatto tutta la procedura giorno dopo avviso la mia assicurazione li spiego tutto mando il foglio dei Vigile . Dopo 3 settim. mi manda al perito, mi valuta il danno di 1400 euro mi dice x il danno sarebbe di più ma ti diamo x il valore della macchina sul mercato. A distanza di 3 messe (sarebbe oggi) mi arriva a casa un assegno di 700 euro, contato la mia assicurazione che sarebbe Genialloyd e mi dice che ho 50% di colpa. Li ho detto che non accetto e mi ha detto che entro 48 ore sarò contattata x eventuali chiarimenti. Cosa dovrei fare in questo caso? Grazie

    • Esperto
      Esperto

      Per prima cosa, cerca di capire oltre ogni dubbio se effettivamente ti hanno dato il 50% oppure se ti hanno dato ragione ma stanno tentando di pagarti poco. Nel primo caso, c’è poco da fare, nel caso rivolgiti ad un avvocato. Nel secondo, tratta e minaccia causa legale, evita di firmare qualunque proposta e insisti finché non ottieni il dovuto.

  16. VITO EMMOLO

    Ricevo una raccomandata dalla mia compagnia, dove mi dicono di essere stato coinvolto in un incidente a padova 30 giorni prima.
    io abito ad alcamo, e non sono mai andato a padova.
    la mia compagnia dice che la controparte ha il modulo cai firmato da me, mi trovo un muro di gomma davanti. A cominciare dalla mia compagnia che che non mi tutela.
    Ho fatto denuncia alla polizia, in quanto trattasi di una truffa bella e buona. la mia compagnia assente in tutto e per tutto. cosa mi consigliate?

    • juan

      Situazione non rara, purtroppo, in questo caso puoi richiedere anche semplicemente al nr. dedicato ai sinistri della tua compagnia, queste due info: il nr di sinistro ed il nome del liquidatore competente con i relativi contatti. Contattare meglio per mail/fax lo stesso e richiedere chiarimenti, allegando copia della denuncia alle autorità.

    • Esperto
      Esperto

      Hai fatto bene a fare la denuncia, magari fai seguire la vicenda da un avvocato. Dovresti cercare di visionare questo modulo per verificare i dati personali e del veicolo in modo da capire cosa è accaduto. Potrebbe anche trattarsi di un erore!

  17. davide

    in aprile venivo tamponato da un veicolo, compilato il cid ed avvalendomi dell’indenizzo diretto, a seguito di questo portavo l’auto in carrozzeria per la riparazione ; l’autorizzazione dalla assicurazione (la mia) arrivava ben oltre dopo un mese, in pratica sono rimasto senza auto (in attesa della riparazione) per quasi due mesi.
    Al momento dell’impatto hjo sentito in auto una gran puzza di bruciato e l’acccendersi della spia airbag.
    La diagnostica ha rilevato l’intervento dei pretesionatori delle cinture ( a seguito dell’urto) e che quindi deve essere sostituita anche quella parte
    L’ assicurazione (la mia, che dovrebbe tutelarmi) riteneva che, sulla base di quanto dichiarato dal perito (sulla cui preparazione dubito, si capirà dopo perchè) non ci può essere correlazione tra un urto sul posteriore e l’intervento del dispositivo, anzi lo stesso perito dichiarò scocciato (telefonicamente) che una situazione del genere può essere attribuita solo ad una anomali/difetto del sistema montato sulla mia auto.
    Interpellata da me, la casa costruttrice dichiara (con mail scritta) la perfetta correlazione tra la logica di funzionamento e il tipo di urto contraddicendo praticamente quanto asserito dal “perito”.
    Ho inviato la dichiarazione all’assicurazione per avere il risarcimento anche di questo danno.
    E’ il caso di rivolgermi ad un legale per eventuali strascichi?
    ringrazio

    • Esperto
      Esperto

      Per adesso attendi la risposta… certo che oggi come oggi avere un risarcimento congruo da una assicurazione è una vera impresa!

      • davide

        ok, mi è stato detto che il documento sarà sottoposto al liquidatore.
        In caso di controversia, posso fare richiesta di accedere alla tutela legale della polizza anche se ho fatto l’indenizzo diretto? ho letto di sentenze che annullano la clausola presente nei fogli informativi (contratti).
        In questo caso ci si può “fidare” ad appoggiarsi ad un legale della compagnia o è meglio agire con uno esterno?
        ringrazio

        • Esperto
          Esperto

          Mah… uno esterno è sicuramente preferibile, ma ha anche un costo… se paghi tu, sceglilo tu.

  18. Claudio

    A gennaio 2015 un TIR polacco facendo retromarcia ha urtato la mia auto.
    Abbiamo compilato il cid di buon accordo ed io il giorno dopo ho portato la copia di mia competenza alla mia
    assicurazione che ha provveduto immediatamente di inviare il tutto all’UCI.
    Dopo circa 2 mesi (a marzo) la mia assicurazione mi invita a portare l’auto dal carrozziere convenzionato.
    Oggi 14/07/2015 la mia assicurazione mi informa che l’assicurazione estera non provvederà al rimborso
    perchè il CID non è compilato bene (non è crociata la caseela 14 -RETROCEDEVA- dalla parte del TIR.
    Può la mia assicurazione pretendere qualcosa?
    Penso che doveva controllare bene il CID ed informarmi dell’errore nel qual caso io avrei potuto non
    riparare l’auto.
    Grazie

    • Esperto
      Esperto

      Accidenti, ti sei dimenticato la casella più importante, quella che ti dava ragione!! Assicurati che sia messa agli atti la tua dichiarazione del fatto che retrocedeva, altrimenti ti prendi anche la colpa per tamponamento! A questo punto mi aspetterei un concorso di colpa al 50.

  19. Giacomo

    Salve, in effetti non avevo ben chiaro il funzionamento del risarcimento diretto. Vorrei porre un paio di quesiti :

    1) Cosa succede in tutti quei sinistri in cui le responsabilità sono ancora in corso di definizione? La mia ragazza mesi fa ha avuto un sinistro, e il conducente antagonista, a suo dire, avrebbe ragione, ma a quanto sembra la sua compagnia gli avrebbe negato il risarcimento diretto, tant’è che a distanza di 3 mesi la pratica ancora non è chiusa.
    2) Se tra i responsabili c’è anche (o solo) l’ ente custode della strada, e ciò viene comprovato nelle idonee sedi giudiziarie civili ed eventualmente penali, cosa avviene?
    Grazie.

    • Esperto
      Esperto

      1- Una volta definita e la pratica, si saprà chi ha ragione e chi ha torto e deve pagare… con il risarcimento diretto la differenza è che a liquidare è la compagnia di chi ha ragione, che poi richiederà il denaro a quella della controparte.
      2- Il danno deve essere richiesto all’assicurazione dell’Ente. Se è rilevante, meglio avvalersi da subito di un avvocato, in genere sono soldi spesi bene…

      • Giacomo

        Quindi nel secondo caso sono io a dovermi attivare presso l’ assicurazione dell’ Ente, non vale un risarcimento diretto in cui la mia compagnia mi rimborsa e poi si rivale su quella dell’ Ente. Peccato…

  20. CHICCO

    Salve, mi ha chiamato la mia assicurazione e mi ha comunicato di aver tamponato un’auto qualche mese fa e che, avendo torto, la mia stessa assicurazione deve provvedere al risarcimento diretto ovvero all’assicurazione dell’auto “tamponata”. Ma io non avuto incidenti né tantomeno ho tamponato qualcuno da almeno 3 anni, mi domando perché la mia assicurazione deve pagare con consegenze negative per me?

    • Esperto
      Esperto

      Informa tempestivamente la tua assicurazione dell’accaduto e cerca di avere i dati dell’incidente, in modo da poterli contestare. Se necessario, avvaliti dell’aiuto di un avvocato.

  21. admin
    admin

    Donato: il punteggio di invalidità per un infortunio del genere (che suppongo e spero non abbia gravi ripercussioni sulla funzionalità dell’arto) è piuttosto basso, secondo me può variare da 0 a 5 punti al massimo.

  22. donato

    sono stato investito 4 mesi fà con rottura a 3 parti del piatto tibbiale, sono stato operato e ingessato per 1 mese,devo fare visita legale e vorrei sapere a che punteggio potrei arrivare.

Scrivi il tuo messaggio

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)