Auto cointestata, nuova auto intestata solo ad uno dei due

Home Forum Assicurazioni Auto Auto cointestata, nuova auto intestata solo ad uno dei due

Questo argomento contiene 5 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Simone 4 anni, 9 mesi fa.

Stai vedendo 6 articoli - dal 1 a 6 (di 6 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #804

    Simone

    Buongiorno,

    innanzitutto grazie per aver fatto un po’ di chiarezza su un argomento controverso e per l’impegno e la continuità con cui continuate a rispondere ai commenti.

    La mia situazione è questa: mia moglie ha un’auto cointestata col padre (non convivente), che è anche titolare esclusivo di una propria autovettura (con relativa polizza e classi di merito che vanno ovviamente per conto loro). Mia moglie risulta essere la prima intestataria del veicolo cointestato, e a quanto ho capito la polizza è intestata a lei (o comunque, gli attestati di rischio riportano il suo nominativo).

    Alla scadenza della polizza vorremmo cambiare compagnia assicurativa per risparmiare un po’, ma qua sorgono i problemi: la vecchia compagnia assicurativa sostiene che senza voltura di mio suocero in favore di mia moglie la classe di rischio attuale andrà persa. Un’agenzia di pratiche auto sostiene invece che non ci sarebbero problemi a “passare” la classe da una compagnia all’altra.

    Le mie domande sono quindi le seguenti:

    – a parità di cointestatari (invariati), è possibile cambiare compagnia assicurativa avvalendosi della stessa classe di merito?
    – se un domani mia moglie alienasse la vettura cointestata, o la rottamasse, potrebbe mantenere la classe di merito raggiunta con tale veicolo anche per un veicolo nuovo intestato esclusivamente? (se ho letto bene l’articolo, la risposta sembrerebbe affermativa).
    – se invece mio suocero facesse la voltura in favore di mia moglie, prima della scadenza della polizza in essere, la relativa classe di merito sarebbe immediatamente mantenuta in capo a lei?

    Grazie per la cortese attenzione,

    Simone


    #808
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    Grazie dei complimenti, facciamo del nostro meglio!

    Ti confermo che la classe attuale è di titolarità di entrambi i cointestatari indipendentemente da chi sia il primo contraente della polizza. Non ci sono dunque problemi ad assicurare presso un’altra compagnia mantenendo classe e proprietà cointestata attuale.

    E’ ammessa la riduzione del numero dei titolari del rischio previa rinuncia dell’altro: questo può accadere in occasione della vendita del veicolo, è indifferente se avviene per un altra auto o per una voltura interna della stessa. Dato che non dovrebbero esserci problemi neanche in futuro, puoi evitare di fare adesso la voltura interna per questa auto e aspetta il suo cambio per regolarizzare il rischio a solo nome di tua moglie.

    #809

    Simone

    Grazie per la rapida risposta. Nel commento all’articolo, avevo anche inserito questa precisazione, dopo ulteriori investigazioni sullo status assicurativo di mia moglie:

    Di fatto la sua compagnia assicurativa ha trasferito nel 2006 la polizza relativa al precedente veicolo (intestatario unico, mia moglie) al veicolo cointestato, mantendendo però mia moglie come intestataria unica della polizza. La prassi non è probabilmente del tutto regolare, ma finora non ci sono mai stati problemi con la liquidazione dei sinistri. Ciò considerato, la cosa migliore da fare sarebbe davvero la voltura? Così al momento della disdetta della polizza si avrebbe coincidenza tra proprietario e titolare dell’attestato di rischio. Temo invece che vedendo discordanza tra intestatario/i (mia moglie e mio suocero) e titolare dell’attestato di rischio (mia moglie) la nuova compagnia assicurativa potrebbe crearci dei problemi..

    Sono giustificati i miei timori?

    #811
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    In effetti il passaggio effettuato nel 2006 non è (oggi) del tutto regolare, ma all’epoca le compagnie avevano maggiori margini di discrezionalità.

    Secondo me la nuova compagnia considererà l’attestato semplicemente come cointestato, in ogni caso non ci dovrebbero essere problemi a mantenere lo status attuale.

    #812

    Simone

    Grazie ancora per le risposte.

    Ho provato a scrivere a qualche compagnia online per sottoporre il quesito (ed avere se possibile risposta scritta), vi terrò informati sull’evoluzione della vicenda.

    Simone.

    #814

    Simone

    Delle quattro compagnie online contattate via mail, sinora hanno risposto in due (una telefonicamente e una per iscritto), ed entrambe confermano che la discordanza tra cointestazione dell’auto e singola intestazione dell’attestato di rischio non è un problema, purchè ovviamente sull’attestato risulti il nome di mia moglie se si vuole mantenere la classe di rischio in capo a lei. Ritengo a questo punto che la necessità della voltura paventataci dal vecchio assicuratore fosse un timore infuso ad arte a mò di “customer retention” farlocca. Immagino che sia contro le policy del sito citare questa o quella compagnia, quindi mi asterrò dal nominare i soggetti coinvolti, anche se la professionalità (o la mancanza di essa) meriterebbe sempre una pubblicità adeguata.

    Ringrazio ancora gli esperti del sito e mi ripropongo di aggiornarvi con le risposte delle altre compagnie quando mi perverranno.

    Simone



Stai vedendo 6 articoli - dal 1 a 6 (di 6 totali)
Rispondi a: Auto cointestata, nuova auto intestata solo ad uno dei due
Le tue informazioni:




<a href="" title="" rel="" target=""> <blockquote cite=""> <code> <pre> <em> <strong> <del datetime=""> <ul> <ol start=""> <li> <img src="" border="" alt="" height="" width="">