Auto e assicurazione intestati all’azienda – conducente non convivente

Home Forum Assicurazioni Auto Auto e assicurazione intestati all’azienda – conducente non convivente

Questo argomento contiene 1 risposta, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da Esperto Esperto 6 mesi, 1 settimana fa.

Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #13432

    Enrico

    Salve, sono un libero professionista socio di uno Studio Tecnico Associato.
    Ho acquistato un’auto intestandola alla società e ho volturato la mia vecchia polizza auto alla società.
    La compagnia però non mi ha chiarito un punto importante:
    Nelle clausole c’è scritto che l’auto la possono guidare i soci e i conviventi però non mi ha detto (penso di aver chiesto ad un agente abbastanza nuovo e incompetente…) se è possibile estendere la possibilità di guida della macchina anche ad altri? Magari con una estensione economica…
    Mi ha detto di non preoccuparmi perché tanto la compagnia nel contratto rinuncia alla rivalsa.

    Io attualmente ho una gamba rotta. Mi chiedo se sia possibile in questo caso fare una delega temporanea. Se la dovessi far guidare per esempio a mio padre che succede?

    Per esempio la società sportiva dove mandiamo il nostro bambino ha dei furgoni a 9 posti e li guida chiunque anche se non siamo soci e non facciamo parte del consiglio. C’è un errore?

    Grazie della risposta
    Enrico


    #13437
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    Partiamo da un punto fermo: per legge la polizza RCA copre chiunque sia il conducente. Anche le polizze con forti limitazioni (ad esempio per i neopatentati), non escludono la copertura qualora a guidare sia un soggetto non autorizzato, bensì al massimo introducono una franchigia alta sulla copertura.

    Nel tuo caso, per prima cosa devi leggere il contratto per capire eventuali esclusioni e, in caso dubbio, ricorda che la copertura si estende ad ogni guidatore.

    Questo, dal punto di vista dell’assicurazione e della copertura per eventuali sinistri.

    C’è poi tutto il discorso dell’uso al di fuori dell’azienda di un mezzo strumentale. In questo caso si ricade in materia fiscale e si è potenzialmente soggetti a contravvenzione (e anche a conseguenze più gravi) se chi viene fermato alla guida non sa giustificare il motivo per il quale sta guidando un’auto aziendale senza titolo.



Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)
Rispondi a: Auto e assicurazione intestati all’azienda – conducente non convivente
Le tue informazioni:




<a href="" title="" rel="" target=""> <blockquote cite=""> <code> <pre> <em> <strong> <del datetime=""> <ul> <ol start=""> <li> <img src="" border="" alt="" height="" width="">