Copertura assicurativa per neopatentato residente all’estero

Home Forum Assicurazioni Auto Copertura assicurativa per neopatentato residente all’estero

Questo argomento contiene 1 risposta, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da Esperto Esperto 2 anni, 3 mesi fa.

Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #6120

    Francesco

    Buongiorno,
    nel caso seguente:

    1. auto intestata ad uno dei genitori con rapporto peso/potenza superiore al limite di 75CV/tonnellata e comunque superiore a quello assoluto di 95CV.
    2. polizza assicurativa intestata al proprietario dell’auto che dichiara alla compagnia che l’auto potrà essere guidata da un neopatentato.
    3. auto utilizzata all’estero prevalentemente dal neopatentato (patente italiana), cittadino italiano e futuro residente in stato UE, (iscritto all’AIRE). Il neopatentato ha doppia cittadinanza, anche quella dello Stato in cui risiederà per motivi di studio.

    Vorrei sapere se trovano applicazione all’estero i limiti previsti per i neopatentati ? E quindi se la polizza assicurativa, che naturalmente non deve prevedere la guida esperta, copra eventuali responsabilità verso terzi ecc.

    Grazie


    #6132
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    Stiamo dunque parlando di una auto a targa Italiana non in regola con il codice della strada Italiano, in quanto guidata da un neopatentato oltre il limite consentito di potenza. Ma viene guidata all’estero.

    A mio giudizio ci sono due tipi di problemi.

    Il primo è l’essere o meno in violazione delle norme di circolazione straniere. Questo dipende dal codice della strada del Paese in cui andrai a guidare il mezzo. Francamente non conosco i limiti di potenza nei vari paesi, ma è facile ipotizzare che la normativa Italiana sia di respiro europeo.

    Il secondo punto riguarda la garanzia della copertura assicurativa. In caso di un malaugurato sinistro all’estero, sarebbe infatti comunque chiamata a rispondere la compagnia Italiana, la quale potrebbe fare una verifica anche sulla legittimità della guida e dunque eventualmente applicare una rivalsa qualora emergessero irregolarità secondo il CdS Italiano, anche se, per ipotesi, la situazione fosse regolare all’estero. Questo punto è comunque tutto da verificare: come e se farebbero i controlli, possibilità di contestare, cosa eventualmente prevede il contratto. Nota comunque che le probabilità di attaccarsi ai cavilli per non pagare sono molto più alte in caso di sinistri gravi, ovvero più dispendiosi per la compagnia e… per te in caso di rivalsa!



Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)
Rispondi a: Copertura assicurativa per neopatentato residente all’estero
Le tue informazioni:




<a href="" title="" rel="" target=""> <blockquote cite=""> <code> <pre> <em> <strong> <del datetime=""> <ul> <ol start=""> <li> <img src="" border="" alt="" height="" width="">