Home » Capire le Assicurazioni » Sinistro Stradale: gestione e risarcimento » Incidente falso: l’assicurazione paga e il premio aumenta!

Incidente falso: l’assicurazione paga e il premio aumenta!

Truffa sinistro inesistente
Truffa sinistro inesistente


Riceviamo da un nostro lettore un racconto che ha dell’incredibile, ma che, purtroppo, ci parla di un fatto piuttosto frequente in Italia: gli incidenti inventati appositamente per avere risarcimenti dalle assicurazioni. Ad aggravare la faccenda, il fatto che la controparte della truffa è un ignaro cittadino, scelto praticamente “a caso” dal malvivente e che entra in un vortice dal quale raramente ne esce senza danni…

Quanti incidenti in Italia sono falsi? E quanto incidono, direttamente e indirettamente, sui costi delle polizze? E quanti sono gli assicurati onesti che sono costretti a subire questa truffa, avendo in più la beffa del doversi tutelare legalmente?

Un altro tema che viene sollevato è quello della effettiva efficacia della tutela legale sottoscritta con la polizza RCA auto: non è obbligatoria e si paga a parte una cifra tutto sommato contenuta, ma poi, in caso di bisogno, il servizio è all’altezza?

Leggete il seguente racconto e commentate…

Incidente falso, assicurazione paga.
L’incidente è fasullo, ma l’assicurazione paga ugualmente. Come uscire da questa truffa?

Un “bel” giorno di 3 anni e mezzo fa mi sono alzato e ho trovato nella cassetta della posta una lettera della mia compagnia di assicurazione auto (omettiamo il nome della compagnia) dove c’era scritto che non avevo denunciato un sinistro accaduto circa 10 giorni prima. La comunicazione riportava la data, il luogo, le macchine coinvolte, il nome del proprietario dell’altro mezzo e la tipologia di sinistro (un tamponamento). Il fatto è che io non avevo fatto nessun sinistro, quindi ho pensato che si trattasse di un errore della trascrizione della targa, anche se il sospetto di essere vittima di un raggiro si era già insinuato in me…. la compagnia, in base alla nuova norma sul risarcimento diretto, voleva subito risarcire il “danneggiato” ma sono stato io a fare una comunicazione, bloccare la pratica e portare la cosa in giudizio. E’ stato istituito un perito, è venuto a vedere la mia vettura e ha attestato che il mio mezzo non era danneggiato, ne’ aveva subito dei lavori di ripristino. Inoltre, sotto consiglio dell’avvocato della compagnia (a proposito: davvero poca cosa la sua difesa) portai anche la testimonianza di due persone.
Siamo andati dal Giudice di Pace e ognuno ha raccontato la propria versione e portato le relative prove. Il danneggiato ha un teste che dice che il giorno dell’accaduto una Renault Megane Scenic (la mia invece è solamente una Renault Megane quindi una contraddizione, per chi conosce i modelli sa che le auto sono completamente diverse) ha tamponato il loro mezzo e successivamente è scappato via. Il teste dice inoltre che era buio (hanno dichiarato l’accaduto alle ore 22:00), che non ha potuto vedere il colore degli occhi e dei capelli di chi li tamponava ma che gli è sembrato un ragazzo sui 25 anni (Seconda contraddizione: se dici che era buio e non puoi vedere i tratti somatici, come fai a stabilire l’età della persona?).
Dopo 3 anni: nonostante io avessi una perizia a favore e due testimoni e loro abbiano inventato l’incidente con una serie di contraddizioni e con un solo teste, il giudice mi ha dato torto!! E ha condannato la mia compagnia al risarcimento dei danni del mezzo, degli avvocati della parte truffatrice e anche dei danni fisici (il famoso colpo di frusta!!). Ovviamente quello che poi ne subirà le conseguenze sono io onesto cittadino, a scadenza di contratto.

Ho 26 anni, assicurato con questa compagnia che tra l’altro è una delle più care, e adesso pure un aumento considerevole ingiusto per una fatto non commesso.
Dopo tutta questa storia io dico: sono assicurato con una delle compagnie più care e per i soldi che ho pagato pretendevo un’assistenza legale migliore. A questo punto, a scadenza, cambio assicurazione tanto se le assistenze legali fan tutte schifo a questo punto pago di meno.
Altra considerazione: in Italia siamo in balia dei truffatori che hanno campo aperto con la gente onesta e si arrochiscono con le compagnie e nessuno fa nulla. In Francia per esempio il colpo di frusta (vero o fasullo che sia) non viene risarcito e infatti le polizze costano la metà che in Italia!

Questo è quello che è capitato al nostro lettore… noi possiamo aggiungere che, paradossalmente, è stato anche fortunato. Si, perché la sua compagnia ha almeno accettato di far chiarire la questione in sede legale, ovvio poi che a fronte della sentenza non ha potuto fare altro che pagare. Sappiamo di casi analoghi nei quali la compagnia ha pagato senza battere ciglio, lasciando completamente indifeso il proprio cliente.

Se altri di voi lettori avete avuto esperienze analoghe, non esitate a condividerle scrivendole qui sotto!


271 commenti

VUOI FARE UNA DOMANDA? VAI IN FONDO ALLA PAGINA, OPPURE RISPONDI AI TUOI MESSAGGI PRECEDENTI
  1. giuseppina

    salve mi accusano di un incedente mai avvenuto nel 2012 dove io sono estranea al fatto dicendo che ho chiesto danni all assicurazione…ma come si fa a far valere le proprie ragioni se trattasi di una cosa del 2012 come si puo ricordare in che luogo o cosa facessi nel momento data e ora dell incidente fasullo???

    • Esperto
      Esperto

      Se è vero che hai chiesto i danni, ci sarà pure la denuncia con tutti i dettagli!

  2. Franco

    Salve . È stato denunciato un sinistro dichiarando che io ero il conducente . Premetto che la macchina nn era la mia. Ed incidenti nn ne ho avuti . Ma l assicurazione contatta il proprietario mio amico aggiornando i dati x il rimborso e lui risponde che nn ne sapeva nulla e che sicuramente era una pratica falsa commessa da un suo amico che si è impossessato dei mie dati e che il tutto era stato bloccato. Ora x avere conferme certe che la pratica sia stata sospesa a chi mi devo rivolgere visto che il proprietario nn ispira fiducia.? Cordiali saluti

    • Esperto
      Esperto

      A meno che non ci siano rilevanze penali, la questione in carico al proprietario nonché contraente della polizza, quindi in prima istanza potresti anche ignorare il fatto e vedere cosa accade. Se la pratica dovesse andare avanti, e ne risulti coinvolto, allora ti saranno forniti tutti id ati e con quelli difenderti, eventualmente anche con una denuncia per truffa.

  3. Fontana Maria Grazia

    Buonasera,qualche settimana fa mio marito ha fatto un incidente,lui si trovava in colonna dietro ad una macchina e la sua direzione era dritta,mentre l’automobilista che si trovava davanti all’improvviso al semaforo gira a destra andando addosso alla macchina di mio marito lui ha cercato di frenare e di buttarsi il più a destra possibile per evitarlo.Mio marito ha avuto il danno peggiore.Hanno compilato il cid è il giorno dopo mio marito è andato a denunciare e consegnare il cid all’assicurazione e gli ha anche spiegato come e’successo l’incidente è sembrava che lui non avesse torto ma ragione ora abbiamo ricevuto l’apertura del sinistro e sul testo della lettera mio marito è’ considerato l’assicurato mentre l’altro automobilista e’considerato la controparte ora non capiamo se mio marito è’ considerato colpevole oppure no il testo è scritto così:la controparte sorpassa (e poi scrivono i dati della sua auto) in fase di svolta a dx invade l’altra sede stradale e poi gira.Il veicolo (targa di mio marito) passa l’incrocio per la sua strada e va a collinare con l’auto della controparte.Fino a qui a me sembra che mio marito ha ragione,il mio dubbio è perché scrivono che il nostro assicurato è mio marito è responsabile?

    • Esperto
      Esperto

      Difficile dare un parere così, prova a chiedere delucidazioni alla tua compagnia. Magari c’è un errore di scrittura.

  4. doretta

    la mia assicurazione ha pagato una rigata di una vettura in un parcheggio da me non effettuata doveva venire il perito a visionare la mia vettura se la rigata poteva corrispondere lo sto ancora aspettando dopo un anno mi sono accorta dell avvenuto pagamento ora che sta scadendo l assicurazione e dall attestato di merito dalla classe 1 alla assicurazioni generali 3 e io non ho fatto nulla assicurazioni generali

    • Umberto

      porta l’assicurazione in tribunale per “Cattiva gestione della pratica”

  5. Francesca

    A novembre tamponi una tizia a 8km/h, pianissimo, scendo per controllare i danni e noto che è stata solo una pizzico di vernice, io ho un utilitaria la signora una macchina più alta, una macchina abbastanza alta, mi offro di far vedere l’auto al carrozziere, lei accetta scambiamo i relativi dati anagrafici per prendere un’ appuntamento per far controllare i danni ai rispettivi carrozzieri. Bene la signora dopo 15 gg mi invia un SMS dicendo che il danno calcolato è intorno agli €800,00, per il cofano posteriore non si apriva e chiudeva più, che il paraurti si era spaccato e che doveva anche sostituire non so quale guarnizione ed infine di averle rotto gli occhiali da vista perché le erano caduti ( QUANDO È SCESA DALL’AUTO ERANO INTATTI, di essersi accorta solo arrivata a casa), chiedo allora con cortesia di poter rivedere il mezzo perché non ricordavo di aver creato cosi tanti danni, lei si rifiuta. A febbraio pagando il semestrale vengo informata che era stata avviata una pratica per un sinistro, già chiusa e liquidata senza essere stata contattata per avere verificare la mia versione dei fatti e fare una perizia anche alla mia auto! IL MIO ASSICURATORE MI RISPONDE DICENDOMI CHE PER LEGGE NON C’ERA NESSUN MOTIVO PER CONTATTARMI. È NORMALE SECONDO VOI?

    • Esperto
      Esperto

      A mio avviso avresti dovuto essere informata.

      • francesca

        ma se parli con il agente assicurativo, ti risponde che non era affatto necessario, perche`per legge, ( secondo lui ) non era necessario informarmi, ho fatto richiesta alla consap per sapere l`importo del sinistro, mi e` arrivata giusto ieri la lettera del rimborso ed e` di € 720,00. e ripeto non ricorso tutti questi danni! adesso cosa dovrei fare?

        • Esperto
          Esperto

          Hai due possibilità: la praticità direbbe di lasciar perdere, e semmai valutare un risarcimento del danno per evitare il malus. Se invece se ne fa una questione di principio, preparati ad una battaglia di raccomandate, meglio se con l’aiuto di un avvocato.

  6. Gabriele

    Buonasera, racconto cosa mi è successo e spero di ricevere informazioni che possano aiutarmi a risolvere la questione .
    Qualche tempo fa noto una persona vicino alla mia auto che fa le foto alla targa allora mi avvicine per chiedere cosa stesse facendo, questa persona mi risponde dicendomi che nel parcheggiare ho urtato la sua auto, ovviamente cosa non vera e quindi fotografo anche la sua di targa e ho tolto l’auto dal parcheggio. Ho contattato la mia assicurazione per sapere cosa fare per tutelarmi da una probabile truffa e mi inviatano a fare una denuncia cautelativa e così ho fatto. Dopo alcuni giorni mi trovo la raccomandata dell’assicurazione della controparte che mi invita a contattte un perito da loro assegnato per far visionare l’auto (quindi il tizio ha presentato denuncia all’assicurazione, anche se non c’è stato contatto tra le auto), contatto questo perito con non pochi problemi, faccio 30km per fargli visionare l’auto è questo perito mi dice che è palese che non c’è stato contatto tra le due auto, perché la mia sul posteriore non ha danni e nessun segno e quindi avrebbe immediatamente chiuso la pratica dopo aver fotografato
    La mia auto da ogni lato. Quindi ero tranquillo che la
    Pratica fosse stata chiusa e la truffa non riuscita, invece ieri mi arriva un’e-mail della mia assicurazione che mi segnala che hanno pagato il danno a questo tizio e quindi data la colpa a me, li contatto immediatamente e mi dicono che risulta che io non sono mai stato da questo perito a far visionare l’auto quindi di conseguenza hanno chiuso la pratica in mio sfavore, cosa posso fare ? Grazie

    • avvocato Giulio Negri

      Avresti dovuto disconoscere immediatamente il sinistro. Fallo lo stesso adesso a mezzo raccomandata A/R.

    • Umberto

      Gabriele…ci vuole un po’ di coraggio vai alla stazione dei carabinieri e denuncia la tua assicurazione x concorso in truffa

    • Esperto
      Esperto

      Inizia contestando la cosa per raccomandata a/r descrivendo bene tutti i fatti.

  7. cesare grossi

    Buongiorno, ho firmato tempo addietro un CID nel quale ammettevo la colpa per un lieve tamponamento. La controparte non ha voluto che io risarcissi personalmente il lieve danno e ha insistito per fare con l’assicurazione. Il danno da me procurato è una lieve ammaccatura su un’auto immatricolata nel 1997. Io fiducioso nel risarcimento CONSAP denuncio il fatto alla mia compagnia e lascio che la pratica vada a concludersi. Arrivato il momento della verità scopro dalla lettera della CONSAP che il danno pagato è di 1300 euro (!!!!) ora vorrei sapere se la mia compagnia avrebbe dovuto controllare con un perito di parte e in che modo dovrebbe tutelare il cliente onesto da simili truffe. Il premio mi è aumentato del doppio e andrei a pagare circa 600 euro in più all’anno (!!!) quindi presumo un prezzo ancora maggiore. Cosa posso pretendere dalla mia compagnia? mi devo fidare ancora? come posso denunciare l’abuso? Grazie

    • Esperto
      Esperto

      SI presume che il perito sia super partes e che il danno stimato sia stimato in maniera imparziale. Inoltre, l’aumento è lo stesso indipendentemente dall’entità del risarcimento. E peraltro mi pare troppo: fai comunque dei preventivi a confronto!

  8. Pietro

    Caro esperto e cari tutti vi racconto questa…
    L’altra sera, fermo al semaforo, vengo tamponato. La signora, riconoscendo la colpa, firma il cid senza problemi. I danni sulla mia auto sono: rottura paraurti posteriore, luce targa, targa rovinata, probabilmente barra interna piegata e portellone posteriore ammaccato. Preventivo fatto da casa madre solo per i pezzi originali 1500 euro abbondanti (è un marchio premium). Il perito viene a vedere l’auto stamattina e niente: il portellone non vuole sostituirlo ma vuol procedere con una riparazione in carrozzeria con stucco eccetera eccetera. Ora dico, al di là del risultato finale che esteticamente, se è solo se fatto bene, potrebbe risultare quasi identico, perché mi devo tenere un portellone stuccato e non avere il mio portellone come prima? Cioè io vorrei solamente essere risarcito per l’effettivo danno subito. Anche per un discorso di rivendibilità dell’auto. Se mi fanno il test spessore vernice viene fuori che è stuccata e perde valore. Che posso fare? Grazie

    • Esperto
      Esperto

      Contesta per scritto, anzi, fatti mettere per scritto che lui intende procedere con la stuccatura, vediamo se lo fa davvero…

  9. Michele

    Mentro ero fermo ad un semaforo un tizio ha cominciato a correre verso la mia auto e, raggiungendomi mi ha detto di tornare indietro perche gli avevo danneggiato l’auto. Per educazione e per ingenuità data dalla mia giovane età mi sono accostato accanto alla sua auto per chiarire la situazione. La sua auto aveva il paraurti posteriore completamente a penzoloni e sosteneva che una auto uguale alla mia, ma proveniente dalla direzione opposta rispetto a quella in cui io ero diretto e in cui mi ha fermato lo aveva tamponato ed era fuggita. E quindi sosteneva che fossi io che ero tornato indietro dopo la fuga. Caso vuole che la mia auto abbia delle piccole strisciature blu preesistenti e quindi questo ha spinto il tizio a denunciarmi alla sua assicurazione. Preciso che le altimetrie e il colore della strisciatura sono assolutamente incompatibili con il suo danno. Ho fatto il disconoscimento del sinistro, ho allegato le posizioni rilevate dalla mia scatola nera che sono incompatibili con quanto sostenuto dal tizio. Inoltre la scatola nera non ha rilevato alcun incidente. Nonostante questo ho come l’impressione che tutto ciò sarà inutile. Come evolverà la situazione a questo punto?ci sarà una perizia? Avete consigli da darmi?

    • Esperto
      Esperto

      La scatola nera può aiutare in questi casi, ma assicurati che la tua compagnia la utilizzi, ovvero che non “Trascuri” il tuo sinistro, altrimenti per pigrizia potrebbe dare il concorso di colpa.

      • Michele

        Ho richiesto al gestore della scatola nera il dettaglio dei percorsi e li ho allegati alla dichiarazione di disconoscimento… spero ne tengano conto

  10. Gigi

    ho appena ricevuto una chiamata dal mio assicuratore per un caso analogo a questo.
    Spero che tutto si risolva a breve, ma credo che chi attua queste truffe lo faccia sistematicamente e con una procedura rodata.
    Come mi consigliate di muovermi?

    • Esperto
      Esperto

      I consigli generici sono quelli di produrre prove a tua discolpa e, cosa importante, sempre produrle in via tracciata, es. raccomandata a/r o email pec.

      • Gigi

        grazie, trovo assurdo che l’onere della prova spetti a chi in questo caso è parte lesa mentre a chi accusa basti un falso testimonio, ma tant’è

  11. Roberta

    Siamo nel paese delle truffe. il 19 gennaio 2017 ricevo dalla mia assicurazione due lettere: una con posta prioritaria (inviata il 24 dicembre) e l’altra con raccomandata (inviata il 05/01/2017) in cui mi viene notificata la responsabilità di un sinistro avvenuto a Cagliari il 09/12/2016. In entrambe le lettere poche notizie : la data del sinistro, la targa della macchina che “avrei” danneggiato, il nome del proprietario e il tipo di macchina ma non il modello. Il giorno successivo chiamo la mia assicurazione, con sede ad ORISTANO, e faccio presente di non essere estranea al sinistro e chiedo ulteriori informazioni. La risposta è stata questa : sono passati 30 gg dalla denuncia del sinistro avvenuto il 15/12/2016 e quindi non può fare nessuna contro denuncia e la persona che ha subito il danno sta per essere risarcita. Ma è normale??? il 23 mando una raccomandata all’ufficio sinistri di Firenze (è la sede principale per la Toscana e la Sardegna) e dopo aver atteso una loro risposta, li contatto per avere informazioni del sinistro. Mi rispondono che c’è una pratica aperta in cui viene dichiarata l’estraneità al sinistro e per contro un accordo amichevole tra me e la persona danneggiata!!!! La situazione è anomala…c’è un conflitto tra le due situazioni. Da Firenze contattano l’agenzia di Oristano che mi richiama dopo qualche giorno (il 09/02/2017)dicendomi di aver chiesto all’assicurazione della controparte l’accesso agli atti e di tenere a disposizione la mia macchina per la perizia. Aspetto fiduciosa ma…niente! Oggi 20/02/2017 chiamo la mia assicurazione per avere notizie e il mio agente dice che oramai il danno è stato pagato e che non posso fare niente perchè i termini sono scaduti. Rispondo molto seccata dicendo che darò tutto in mano a un legale. La risposta è stata: La legge ci darà ragione. Ma siamo fuori da ogni logica e regola. Domanda: perchè devo pagare l’assicurazione se non vengo tutelata e peggio ancora…..truffata??????
    Vorrei fare una correzione, per sbaglio ho scritto di NON essere estranea al sinistro…invece SONO completamente estranea. Grazie

    • Esperto
      Esperto

      Che dire… non c’è risposta… se vuoi farne una questione di principio metti pure un legale, ma sarà importante che tu abbia fatto le contestazioni giuste nei termini giusti, per raccomandata, perché tutto il resto non ha purtroppo valore.

  12. stefania

    2 giorni fa mi fermo sulle strisce per far attraversare 3 pedoni una volta che hanno attraversato riparto e una marocchina si lancia sulla mia macchina ..carabinieri ambulanza ecc ecc tutto fatto apposta.. secondo voi posso denunciare?

    • Esperto
      Esperto

      Classico messaggio al quale non so come dare una risposta!

      • stefania

        la mia assicurazione dice che se ho qualche dubbio posso contestare, ma io vorrei contestare e nn dare neanche un centesimo a queste sanguisughe, anche perchè parlando col marito di questa psicopatica l’ho visto molto tranquillo ed esperto in materia. non capisco come possiamo fare a permettere tutto questo, vengono qui e co fregano anche cose da pazzi..

  13. Umberto

    Ho citato la mia assicurazione (Genertel) perché ha gestito male un sinistro non avvenuto pagando la controparte come solito, su richiesta di un avvocato. Pur avendo disconosciuto il sinistro pur avendo portato prove inconfutabili delle discordanze della controparte sulla modalità dell’incidente, la Genertel come quasi tutte le assicurazioni ha pagato. Vorrei sapere cosa succede quando si va in giudizio… ovviamente ho dato mandato al mio avvocato, che d’accordo con me, di procedere.

    • Esperto
      Esperto

      Giro a te la domanda: facci sapere come andrà a finire… non è facile che qualcuno vada per vie legali, perchè è una grossa spesa e lo si fa solo per un giusto principio.

  14. Vania Cerocchi

    Salve, mi arrivata letera dalla mia assicurazione ,per sinistro in provincia di Roma il 22/121016. Io il 22/12/2016 ero a Bologna con treno , poi io vivo a Latina e non sono mai stata a Roma e provincia con la machina . Ho avisato la mia assicurazione , ma la risposta è stata che non si puo fare niente . Cosa posso fare ?

    • Esperto
      Esperto

      Fai un formale disconoscimento del sinistro, l’ideale sarebbe portare subito, delle prove del fatto che l’auto (non te) non era a Roma quel giorno.

  15. Elisa

    Salve,
    solo 2 giorni fa (30/01/2017), andando in agenzia per il pagamento del premio in scadenza, ho scoperto che era aumentato a causa di un sinistro che ovviamente io non ho mai avuto. Ad un tratto mi ricordo di una vecchia questione e mi gelo: ad inizio ottobre 2015 ricevo dalla proprietaria dell’agenzia presso la quale ho la polizza che risultava una denuncia di sinistro a mio carico. Cadendo dalle nuvole rispondo di non aver fatto nessun incidente stradale e chiedo informazioni a riguardo: data, luogo, dinamica….ma nessuna info era in possesso della titolare della mia agenzia. Chiedo di poterle recuperare e di essere informata quanto prima, aggiungendo che la mia auto era proprio lì di fronte e volevo mostrare le sue perfette condizioni! Recandomi in agenzia mi viene mostrato un foglio su carta intestata della mia compagnia con la data del sinistro (18/09/2015), la mia targa esatta, nome e cognome della controparte e la sua targa non ben leggibile riscritta a penna, come a penna era appuntato il modello dell’auto e la dinamica in fase di parcheggio ed il fatto che la mia auto non avesse riportato dati octc.
    Mi viene allora consigliato nella mia agenzia di compilare la dichiarazione di disconoscimento dell’evento in cui dichiaravo che in quella data e in quel luogo la mia vettura non era stata coinvolta in nessun incidente. Questo fax è stato inviato il 19/10/2015, cioè entro i termini che avevo per contestare l’evento (27/10/2015). Da quel momento in poi io non ho più avuto informazione e comunicazione nè scritta nè verbale di nulla nonostante il mio interessamento. Mi sono infatti recata in 3 momenti diversi in agenzia chiedendo aggiornamenti, maggiori dettagli su quanto mi veniva addebitato ma nulla! Mi è stato detto che bisognava fare richiesta di accesso agli atti e che ci voleva del tempo….il tempo è passato, io non sono stata contatta da nessuno e la mia agenzia mi ha risposto che in questo tempo non si era più saputo nulla quindi la cosa era finita così, morta lì, si vede, col mio disconoscimento.
    Io pago normalmente le 2 successive semestralità del 2016, nulla accade…..fino a questa di gennaio 2017 dove io risulto esser passata dalla 1 alla 3 classe!
    Morale: c’è stato un arbitrato in cui il giudice ha stabilito che la controparte con 2 testimoni avesse diritto ad essere liquidata in quanto la mia vettura in quella data e luogo risultava effettivamente esserci stata.
    Non so ancora nè la dinamica nè l’importo liquidato e in quale data…..cioè insomma non so niente dal 19/10/2015!!! Io quella sera ho semplicemente parcheggiato in una via e dopo qualche ora sono tornata a riprendere la vettura per tornare a casa, ero con 2 amiche.
    Tutto si è svolto senza che a me sia stato mai notificato nulla, è normale? Io non posso in nessun modo difendermi ed evitarmi questo aumento di premio ingiusto?
    Grazie mille per l’aiuto

    • Esperto
      Esperto

      Ennesimo caso Italiano: puoi farci poco, ci sono testimoni ed una sorta di sentenza. Prova magari a inviare una raccomandata di diffida alla tua compagnia per non averti informato degli eventi.

  16. Barbara

    Mio padre a maggio 2015 compra una fiat punto nuova, dicembre dello stesso anno risulta aver avuto un incidente a Milano che mio padre da Gambettola son almeno 10 anni che non esce. C’è qualcuno che ha una soluzione per questa situazione? Dovrà procurarsi un avvocato? Gli aumenteranno l’assicurazione per un incidente non avvenuto?

    • Esperto
      Esperto

      Per prima cosa verifica se vi è un qualche errore materiale. Se si tratta di un tentativo di truffa, meglio ricorrere ad un avvocato, oppure soccombere in partenza e pagarsi l’aumento.

  17. ISABELLA

    Salve, vorrei un consiglio. Una sera di qualche mese fa mentre guido qualcuno insistentemente dietro di me mi fa le luci per cui mi fermo, scende dalla macchina una signora molto agitata che fa una foto della mia targa e mi accusa di averle rotto lo specchietto lato guida (verifico ed era rotto), quando le chiedo in che luogo di preciso questo sia accaduto lei non sa dirmi bene, è molto vaga e continua a sostenere che è sicura sia stata io. Io le dico che non ho sentito nessuna botta sulla mia macchina e che non ho danni sui miei specchietti (lei non si è nemmeno avvicinata alla mia macchina per controllare). Ho sbagliato a non chiamare subito le autorità e ad avere anche l’ingenuità di darle il mio numero di telefono sotto sua insistenza. Il giorno dopo mi ha chiamata perchè voleva ci incontrassimo per un risarcimento, io ho insistito molto per sapere il luogo preciso dell’incidente e dopo un racconto abbastanza confuso mi ha detto dove è accaduto e….insomma io non sono mai passata in quella strada!!! Lei mi ha incrociata circa 400 metri più avanti rispetto al luogo dell’incidente (io sbucavo da una strada laterale) e da lì ha cominciato a seguirmi. Io le ho detto che probabilmente ha seguito la macchina sbagliata ma non ne voleva sapere. Dopo circa un mese mi arriva la denuncia di sinistro in cui risulta che alla guida di questa auto c’era un uomo e di lei non c’è menzione nella denuncia ( scopro che quest’uomo è il marito della signora, proprietario dell’auto e anche avvocato di professione) e risulta anche un testimone, chiaramente falso!!! Il testimone dichiara che era dietro la mia macchina (con targa e dettagli) e ha visto che mentre sorpassavo una bici ho invaso la corsia opposta colpendo lo specchietto dell’auto che viaggiava nell’altro senso. Ovviamente sono molto arrabbiata perchè io da quella strada non ci sono mai passata!! In più andando a verificare la suddetta strada è talmente stretta (classiche stradine di campagna senza neppure linea di mezzo) che se qualcuno prova a sorpassare una bici il frontale è assicurato, altro che specchietto!!! Per cui mi sa tanto di storia inventata di sana pianta. Io ho mandato lettera di disconoscimento del fatto, ho sottoposto a perizia la mia auto (secondo il perito io non ho fatto nessun incidente però di tempo ne è passato quindi potrebbero dire che ho sostituito lo specchietto), ho controllato se in zona ci sono telecamere ma purtroppo non ce ne sono. Adesso non vorrei andare per avvocati per una stupidaggine del genere ma secondo voi mi conviene fare denuncia alle autorità? Non ho prove per dimostrare la falsa testimonianza e rischierei denuncia per calunnia. Io non ho testimoni e preferisco non mettere gente in mezzo, per cui lascio stare?

    • Umberto

      Isabella
      sbagli a non denunciare è un trucco vecchissimo, ma se non denunciate non finirà mai e la prossima volta pagherai di nuovo…un po’ di coraggio non è una questione di specchietto e se la prossima volta ti diranno che hai investito qualcuno che farai?

      • ISABELLA

        Lo so è la stessa cosa che ho pensato io, ormai possono partire denunce anche per cose più gravi e con tanto di testimoni falsi…è assurdo!!! Purtroppo lo stesso mio assicuratore mi ha consigliato di non fare denuncia perchè rischio di dover pagare avvocati, molto probabilmente senza vincere la causa e rischiando anche una controdenuncia per calunnia da parte del testimone per averlo accusato di falsa testimonianza. Da questo ho solo imparato che la prossima volta chiamerò subito le autorità!! anche se ti dirò che il mio assicuratore mi ha raccontato di cause perse nonostante la presenza di carabinieri..Eh già bel paese l’Italia! un saluto e grazie cmq per il consiglio.

    • Esperto
      Esperto

      Quella dello specchietto è una classica truffa mirata ad ottenere un veloce risarcimento di 50/100 euro sul posto: la dinamica che descrivi tu appare un po’ diversa. Fornisci la tua versione in maniera decisa, disconoscendo il fatto e preparati a dover pagare il sinistro, che tanto il mondo va così, e l’Italia in particolare.

  18. Eleonora

    La mia assicurazione si è raddoppiata perchè sono stata accusata di esser uscita fuori da un parcheggio, della capitale, in retromarcia e aver graffiato la macchina che mi stava dietro, premetto che era sabato e durante il fine settimana resto in provincia, a casa, l’auto è stata ferma tutto il week end,sempre sotto casa in provincia, nella prima dichiarazione di chi ha denunciato non c’era neanche la via precisa, inoltre era tutto scritto in maniera ridicola, ho capito che quello che ha sporto denuncia è marocchino, ma impara a scrivere! comunque non è importante perchè anche se ho portato i testimoni e ho fatto una dichiarazione chiara e coincisa, non sono stata comunque creduta.
    Quindi viva l’Italia e viva la legge Italiana che ruba ai poveri per dare ai ladri!

    P.s.: l’assicurazione da 1000€ che pagavo è lievitata a 2300!

    • Stefano

      Purtroppo in Italia siamo indietro anni luce…alla presenza di un testimone l’assicurazione paga che sia falso o meno perché in caso di processo ecc la compagnia ci rimetterebbe più soldi in caso di “sconfitta”, solo in rari casi la compagnia si mette a contestare a favore di un cliente (solo i casi in cui la compagnia ne ha l’interesse no il cliente la compagnia) e questo è scritto in praticamente tutte le condizioni di polizza di tutela legale accostate all’auto.
      Mi dispiace per te, il consiglio che ti do è richiedere l’installazione della scatola nera che nei paesi non governati da criminali è già molto diffusa. Con la scatola nera installata sull auto sa dove è l’auto e se ci sono stati urti e dove sono i punti di impatto e ha valore legale ed è molto di più di un testimone!!! Così magari qualche testimone falso inizieranno a denunciarlo e fargli spendere soldi di avvocati.

    • Esperto
      Esperto

      Assurdo! Hai contestato formalmente, con raccomandata?

  19. Mogi Vicentini

    Mi spice per Genertel ma ho avuto un’esperienza allucinante. Dopo avere urtato in modo ridicolo (parcheggio!!!) un autentico catenaccio, quello ha reclamato 500 euri di danni – cioè si è rifatto mezza carrozzeria, da sfasciata che era). Sulla mia macchina non si vedeva neppure se il paraurti avesse il minimo graffio…
    Genertel non ha mosso un dito per contestare l’esagerazione del danno, mi è toccato fare un fiume di telefonate, messaggi e lettere, poi per non rincararmi la polizza mi hanno fatto pagare tutto il danno. Quando ho disdetto, allora finalmente si sono degnati di impugnare il telefono per contattarmi e chiedere “perchè” – la qual cosa mi ha irritato ancora di più, perchè prima non avevano mai mosso un dito.
    La sola spiegazione razionale sarebbe che fossero d’accordo con la controparte… ma sarebbe fargli credito di troppa intelligenza. E’ che quando si risparmia, non deve succedere nulla: solo così funziona!

    • Umberto

      La Genertel (è mi assumo la responsabilità) non è nuova a queste cose anche con me ha fatto la stessa cosa l’avvocato che dovrebbe tutelarci e che si paga non serve a niente, non prendono in considerazione nessun reclama o diffida al pagamento, loro pagano e basta…ma credo che sia così con tutte le assicurazion i on line a Napoli si dice che il risparmio non è mai guadagno Poi assicuratevi sempre che nel contratto non vi sia una franchigia cosa che non vi dicono quando stipulate il contratto

    • Esperto
      Esperto

      Anche tu dai per scontato che il problema sia legato alla compagnia e al suo essere conveniente. Non è così, queste cose succedono con tutte le compagnie e le responsabilità sono diffuse: sono dei periti, del sistema… Quindi tanto vale risparmiare.

      • Perito

        Caro Esperto,
        prima di dare sentenza lapidarie cercherei questo famoso “sistema” di conoscerlo perché così si crea disinformazione. Innanzitutto non è assolutamente vero che le compagnie a risparmio sono uguali alle grandi per il semplice fatto che solo il fatto di avere uffici sinistri sparsi per il territorio aiuta in questi casi particolari… e sicuramente non un call center. 2) Dov’è la responsabilità di un perito? Se questo ti certifica che il tuo veicolo non è stato coinvolto in nessun sinistro? Forse cambierei la didascalia in responsabilità diffuse del sistema, il perito può solo avere la colpa di aver lavorato superficialmente, ma ti posso assicurare che sono pochissimi…

        • Esperto
          Esperto

          Capisco che vuoi difendere la categoria, ma in effetti, alla fine, stiamo dicendo la stessa cosa!

  20. mario palumbo

    salve ieri sera camminavo con la mia auto ed ero in colonnato nel traffico era gia buio in una mia distrazione urto l’auto che mi precedeva danno un colpo , a un certo punto chiedo scusa alzando la mano , pensavo che la persona che guidava l’auto scendesse per verificare , ma niente io di conseguenza sono sceso dalla mia auto , al che inizia a partire l’auto del signore tranquillamente io devio per la mia strada e lui per la sua adesso mi domando il signore ha potuto prendere la mia targa ? o non se ne accorto di nulla? puo succedermi qualcosa ? ho da preoccuparmi?

    • Esperto
      Esperto

      Mario, ma che elementi ho per dare una risposta!

      • MARIO PALUMBO

        effettivamente ha ragione mi scusi

  21. Enrico

    Salve, questo pomeriggio ero in auto all improvviso davanti a me hanno frenato io mi sono reso conto tardi che si stesse proprio fermando , ho tamponato il veicolo davanti a me, mi sono accostato in corsia di emergenza per verifica danni, lui è sceso ha verificato che si aprisse il portellone posteriore ( era un furgoncino) mentre io scendevo è risalito in auto ed è ripartito, io ho lievi danni al paraurti , la mia domanda è se il signore possa denunciarmi nel caso abbia preso la mia targa anche tra qualche tempo, ed eventualmente se debba muovermi in qualche modo , oppure se posso stare tranquillo ed aspettare che mi contatti l assicurazione sperando che ciò non avvenga .

    • Esperto
      Esperto

      Mah, io aspetterei. E’ scappato lui.

  22. Federico

    Buongiorno, ieri sera stavo rientrando a casa, fermo al semaforo col verde che scatta l autoveicolo davanti a me fa per partire, ma poi inchioda di colpo, io li ero molto vicino ho inchiodato ma l ho lievemente toccato, non esistono danni ne alla mia ne alla sua macchina, e lui e sceso correndo, si chinava e faceva foto, ma diceva ovviamente inventandosi tutto che aveva male alla schiena, continuava a minacciarmi che avrebbe chiamato i carabinieri, io non avendo esperienza di nulla mi sono spaventato e ho firmato il cid per chiudere li la faccenda, il fatto e che nel cid lui ha scritto cose non veritiere, tipo che il semaforo era rosso, io ho scritto che invece eravamo in partenza, quindi verde, ho fatto tutte le foto. Sia alla mia auto sia alla sua,per dimostrare che non cera nemmeno un graffio, e anche a lui per dimostrare che stava benissimo, a posteriori ho paura sia una truffa e che lui farà valere il cid con dichiarazioni false e fingera dolori alla schiena che non esistono per avere, un risarcimento, cosa posso fare?

    • Esperto
      Esperto

      Temo niente, oltre a dichiarare la tua versione e supportarla da tutte le prove possibili.

  23. Alex

    Mio padre nel mese scorso uscendo da un parcheggio ha urtato un altro veicolo fermo in seconda fila. Sceso dalla macchina si rende conto che il veicolo urtato non ha riportato assolutamente nessun danno. Il conducente però di tale veicolo presente al momento dell’ urto inveisce contro mio padre dicendogli che se anche non si vedeva nessun danno la carrozzeria dell’ auto aveva perso elasticità. Mio padre correttamente allora ha chiamato le forze dell’ordine che sono intervenute nella persona di un carabiniere e di un poliziotto locale. Dopo aver accertato anche loro che non esisteva alcun danno si è dovuti andare da un carrozziere perché il presunto danneggiato insisteva con la teoria dell’ elasticità. Il carrozzerie che era stato individuato come il più vicino dalle forze dell’ordine, conferma l’ assuluta mancanza di danni e lo conferma a mio padre e all’ altro consigliando di darsi la mano perché danni non c’ erano. Nonostante tutto ciò ieri mio padre riceve la telefonata del perito dell’ assicurazione del “danneggiato” che vuole visionare la macchina di mio padre. Ora premettendo che mio padre aveva una botta vecchia fatta tempo addietro, non sa cosa fare, perché teme che l’ altra assicurazione colga la palla al balzo per poter dire che quella botta è stata causata dal quell’ incidente.

    Grazie anticipatamente per la gentile risposta

    • Esperto
      Esperto

      E’ sempre difficile dare un parere in questi casi. Le cose da fare sono quelle lineari, ovvero non ci si può sottrarre ad una eventuale apertura di un sinistro, si dovrà piuttosto portare ogni prova ed elemento utile a chiarire la dinamica nel proprio interesse.

  24. Fabrizio

    Salve, vorrei sapere cosa succede quando si subisce un danno a seguito di un tentativo di truffa o estorsione da parte del conducente di un veicolo non coperto da assicurazione, in quanto ieri mio fratello mentre era alla guida delle sua auto (regolarmente assicurata, ma priva della copertura per atti vandalici), è stata affiancata da un’altra auto targata ****** non coperta da assicurazione (come visibile chiaramente anche sul portale dell’automobilista), il cui conducente ha lasciato un graffio lungo tutta la fiancata dell’auto di mio fratello, asserendo a sua volta di aver subito un urto dall’auto mio fratello.
    Mio fratello avendo capito cosa stesse accadendo gli ha proposto subito di formulare il modulo di constatazione amichevole o di chiamare le autorità, ma il conducente dell’altra auto se ne è andato via, lasciandolo però con un evidente danno.
    Capisco benissimo che non ci si possa fare giustizia privata per strada, ma cosa si può ottenere anche denunciando questo accaduto, anche perché la targa potrebbe essere stata anche rubata ad un’altra auto.
    Io vorrei montare delle telecamere all’interno dell’auto, ma vorrei sapere se è legale oppure no, anche perché mio fratello possiede già un antifurto GPS di una nota marca di antifurto per auto.
    Vorrei una risposta in merito a tutte queste domande, compresa la prima all’inizio di questo messaggio, altrimenti, dovremo valutare la possibilità di acquistare un gatto delle nevi, un anfibio on un carro armato.

    • Esperto
      Esperto

      Beh che dire… così siamo indubbiamente al far west, l’unica cosa possibile da fare è sporgere una denuncia alle autorità con la targa dell’auto, anche se, come dici tu, vai poi a sapere che gente è, e di chi è quell’auto!

  25. Umberto

    Ho mandato una lettera all’ IVASS e per conoscenza alla mia compagnia di assicurazione GENERTEL su un presunto tamponamento in fase di parcheggio. I tabulati GPS mi danno ragione e da circa un mese la Genertel non si è fatta più sentire…che fare telefono aspetto o denuncio il tutto alla procura della repubblica? Esagerato?…assolutamente no basta truffare il prossimo basta polizze da capogiro basta imbrogli

    • Esperto
      Esperto

      Prima di farlo, mi rivolgerei ad un avvocato per risolvere la cosa sul piano Civile.

  26. Irene

    Salve.Ieri entravo in un parcheggio comunale,con freccia,strada ha senso unico!!!.3 mt dopo un dosso artificale e a destra si trova una macchina parcheggiata.Io prendo un po a sinistra per sorpassare,tutte stalle erano occupate.Appena stavo finendo di superare il d’osso art.,allimproviso lui gira a sinistra e io cercando di frenare finito al suo sx posteriore con mio dx anteriore.Io ho paraurti graffiati e lui porta sx,carrozzeria intorno la ruota.Come lui ha una punto 95 tutta macchina ammaccata di botte non ho visto,se fatto io tutto sto danno oppure gia cera.Lui ha dato tutta colpa a me,e chiedevo dei soldi,senza lettera.Poi venuti vigili,e abbiamo registrato il fatto.

  27. Francesco

    Buongiorno;

    Mi e’ arrivata la comunicazione dalla mia assicurazione in cui qualcuno dichiara che gli sono andato addosso in un parcheggio. Non essendo vero, ho comunicato la mia estraneita’ al fatto, e la controparte ha deciso di arrivare all’arbitrato: a questo punto sono venuto a scoprire che lui ha un testimone, e che effettivamente il parcheggio del presunto sinistro e’ quello in cui io mi trovavo in quella sera. Io purtroppo ero solo e non ho testimoni… che fare? Mi sembra impossibile che possano vincere! Cioe’, potrebbe aver benissimo visto la mia macchina parcheggiata, preso la targa, e poi aver fatto la dichiarazione… non basta un testimone per avere successo! Chi mi dice che non e’ un suo amico? O che non e’ in combutta con lui? O che non gli ha promesso dei soldi?
    A qualcuno e’ capitata una situazione del genere? Come e’ meglio procedere? Grazie

    • Umberto

      Francesco è successo la stessa cosa a me …e a tanti miei amici. L’unica cosa che ti consiglio e che credo consiglierà l’esperto chiedi i tabulati GPS se hai in dotazione la scatoletta se no scrivi al IVASS e se è il caso metti un legale perchè stai sicuro che la tua assicurazione pagherà il danno senza interpellarti

    • Umberto

      Francesco leggi il mio commento sotto chiedi i tabulati GPS non pagare è una truffa che va avanti da una vita con la complicità di assicurazioni periti e avvocati….senza generalizzare cosa fare…denuncia la truffa del parcheggio è endemica in italia

    • Esperto
      Esperto

      Se di truffa si tratta, quando è così è ben congegnata e non ci sono difese, si rimane fregati. Puoi provare a puntare ad un 50 e 50.

  28. Umberto

    Mi sono arrivati i tabulati del GPS come era prevedibile gli stessi smentiscono la versione della controparte sotto tutti i punti di vista…adesso che fare visto che la Genertel ha già pagato il danno e chiede pure a me la franchigia? Ovviamente porto tutto all’avvocato?…mi permetto di dare un consiglio quan do stipulate una polizza leggetevi il contratto non cercate il risparmio facile

    • Esperto
      Esperto

      Domanda retorica: a cosa serve avere una scatola nera se non viene letta? Direi che il ricorso all’avvocato ci sta tutto, anche per principio.

  29. sergio

    buongiorno qualche mese fa ho avuto un incidente in una curva un camion entra stretto nella curva finendomi di sopra,, la macchina rimane bloccata tra un muretto che si trovava sulla mia destra e sulla sinistra il camion bloccandomi i sportelli per scendere dall’auto a questo punto il camion si sposta la mia macchina rimane sul posto dell’incidente il camionista inizia a dire che la colpa non he sua a questo punto chiamiamo i carabinieri che giunto sul posto dicono che non possono fare i rilievi perché un mezzo e stato spostato
    scrivendo una relazione di quello che hanno visto al momento .
    a questo punto il camionista va ha dichiarare alla sua assicurazione e uguale a quella mia che io correvo
    la macchina mi scivola invadendo la corsia opposta . preciso che sulla mia macchina vi e istallato il satellitare
    chiedo all’assicurazione le schede del giorno quando e avvenuto incidente ,dopo un mese arrivano le schede
    dove si evince che la macchina al momento dell’impatto andava a 16 km non a fatto nessun spostamento di asse insomma si vede dettagliatamente il momento dell’impatto . da qui inizia la favola
    il assicuratore mi dici il satellitare non costituisce prova per la legge sulla praivasi
    a questo punto mi chiedo cosa ce sotto tutta questa storia a 4 mesi dell’incedente non ho ancora notizie
    il satellitare e una prova ho no ?
    saluti sergio

    • Esperto
      Esperto

      La tua assicurazione DEVE far valere il tabulato della scatola nera come prova!
      PS: quante “H” sbagliate!!!!!!

  30. Umberto

    I tempi materiali per avere i tabulati GPS sulla mia autovettura in un giorno indicato quali sono?
    Grazie

    • Esperto
      Esperto

      Io non so dare una risposta a questo dubbio, qualcuno ha già avuto esperienze? Il contratto indica qualcosa in merito?

      • Umberto

        telefonicamente mi hanno detto due mesi…mi sembra assurdo un tempo così lungo spero che non facciano imbrogli sui tabulati…almeno su quelli

  31. rosaria

    A febbraio sono stata contattata dalla mia assicurazione, per comunicarmi che era arrivata una Proposta di negoziazione assistita da parte di un avvocato, in riferimento ad un risarcimento danni per un sinistro, significandomi quanto segue:
    Il motorino Liberty 50 a me intestato, percorrendo una strada in pieno centro, danneggiava il motorino della sua assistita e che l’evento è da attribuirsi interamente al conducente che non riuscendo a frenare andava ad urtare il lato posteriore sinistro del motorino attoreo, facendolo sbandare e cadere al suolo sul lato destro, ivi provocando danni, oltre che al lato posteriore sinistro per l’urto.
    La sig.ra …… ha eletto, in modo esclusivo, domicilio presso il mio studio e mi ha conferito incarico per la refusione di tutti i danni, mediati ed immediati diretti ed indiretti, in ogni modo rapportabili al sinistro indicati.
    Naturalmente il fatto non è mai avvenuto, segnalo inoltre che da controlli effettuati personalmente, il motorino honda non risultava coperto da polizza assicurativa.
    Mi sono recata alla mia assicurazione dove ho compilato una dichiarazione di disconoscimento di presunto sinistro, relazionando che il motorino a me intestato era parcheggiato altrove nel giorno e l’ora indicati.
    Dopo qualche mese la mia assicurazione mi contatta dicendomi:
    abbiamo saputo che vi è citazione in giudizio per il mese di gennaio dal giudice di pace, vi suggerisco di rivolgervi anche voi ad un legale.
    A tutt’oggi non ho ricevuto alcuna notifica.
    Le mie domanda sono:
    1) Può una persona con un motorino senza assicurazione aprire un sinistro?
    2) l’assicurazione dire vi consiglio di rivolgervi ad un legale e lavarsi le mani?
    3) nel caso non mi rivolgessi ad un legale e facessi andare avanti la cosa anche con la possibilità di perdere la causa, ne risponderebbe solo l’assicurazione o potrebbero rivalersi su di me?
    4) Non avendo ricevuto alcuna notifica cosa porto all’avvocato?

    • Esperto
      Esperto

      Che storia!
      Allora, intanto è evidente che la controparte si sia rivolta alla giustizia ordinaria in quanto non coperto da assicurazione. E’ un comportamento sorprendente, soprattutto se si parla di pochi danni, l’unica spiegazione potrebbe essere che ha un amico o parente avvocato e/o questa pratica è stata imbastita per “spaventare”.
      Per prima cosa dovresti capire CHI è stato citato dal giudice di pace, ovvero se tu e/o l’assicurazione. Se anche tu, devi ricevere la notifica, in caso contrario la cosa diventa molto spiacevole in quanto immagino che l’eventuale difesa della compagnia non sarebbe efficace come la tua. Se ti arriva la citazione devi purtroppo andare da un avvocato, se è arrivata solo alla compagnia… valuta se andarci ugualmente.

  32. cristina

    Settembre 2015, ero incolonnata sulla corsia di sinistra, un uomo alla guida di un auto incolonnato nella corsia destra nell’ atto di cambia corsia mi tampona graffiandomi il paraurti posteriore. Accostiamo, io preventivamente scendo dall’ auto e faccio una foto. Lui mi viene addosso, urlandomi e insultandomi, vedendomi ragazza pensavo che non mi sapessi difendere. Entro in macchina per tirar fuori dal cruscotto una penna e prendere i dati dell’ uomo, ma lui, sua moglie e la sua auto erano spariti. Fortunatamente avevo il numero di targa ricavata dalla foto fatta precedentemente. Mi reco da un perito e faccio la denuncia. Dopo qualche giorno il perito mi convoca e mi invita a risolvere la questione privatamente, poiché avevamo ricevuto esplicite minacce da parte della controparte. La controparte faceva di mestiere il perito per un’ altra assicurazione e minacciava non solo di querelarmi qualora io avessi messo un testimone (incidente avvenuto davanti la mia università, sotto gli occhi di molti dei miei colleghi, per cui il fatto che in macchina con me non ci fosse nessuno è davvero indicativo), ma anche che avrebbe fatto una controdenuncia dove avrebbe dichiarato che ero stata io a compiere una manovra sbagliata e tamponare lui, inoltre il signore era con sua moglie in macchina che gli avrebbe fatto da testimone. Scoraggiata dalla lunga procedura e discussione, dal mio perito che mi sconsigliava di invischiarmi con quella che lui chiamava “una persona poco raccomandabile” per conoscenza sua personale, decisi di lasciar perdere dato anche il fatto che la macchina non aveva un danno grosso, ritiro la denuncia e lascio perdere tutto dandola vinta al simpatico signore che non solo mi ha tamponata, ma se n’è anche scappato e mi ha minacciata.
    Morale della favola: qualche giorno fa mi è scaduta l’ assicurazione, chiamo il broker per il rinnovo e lui mi comunica che il premio è aumentato a causa di un sinistro con colpa già liquidato. Io cado dalle nuvole. Certa di non aver mai avuto alcun incidente con colpa mia, chiedo spiegazioni. Bene, è venuto fuori che il simpatico signore, non solo ha disconosciuto l’ incidente ma ha anche fatto arbitraggio, cioè ha dichiarato l’ opposto di ciò che avevo dichiarato io, ovvero che io ho tamponato lui. Ciò che non capisco, al di là della cattiveria e della natura infame delle persone è: ma a me chi doveva notificare questa apertura di sinistro? il sinistro è stato già liquidato, mi è aumentata la classe di merito di 2 punti e assicurazione di €400 l’ anno. Credo che mi muoverò per vie legali sicuramente nei confronti del signore che non solo ha fatto minacce esplicite ed il perito è pronto a testimoniare, ma ha anche dichiarato il falso. Inoltre vorrei capire se è possibile sporgere denuncia alla mia assicurazione o a chiunque avrebbe dovuto notificarmi l’ apertura del sinistro o qualsiasi altra cosa sia avvenuta in mia totale ignoranza.
    Amareggiata, Attendo un consiglio. Grazie,

    • Esperto
      Esperto

      Prima considerazione: ma in che mondo viviamo!
      Concordo con l’aprire causa legale su tutta la vicenda, anche con denuncia penale per truffa e chiamando in causa tutte le parti comprese le assicurazioni. Prima di fare tutto, valuta però assieme all’avvocato cosa avete effettivamente in mano per provare l’accaduto, in particolare se il tuo perito ha intenzione di dichiarare il tutto (visto che era già pavido allora), e se riuscite a dimostrare la dinamica e l’esito del sinistro (le foto che hai scattato potrebbero essere decisive).

  33. givanni

    stavo fermo a 5mt dalle strisce pedonali adiacente al marciapiede,mia mogli lato passeggero con la portiera aperta ha urtato un ciclista che è caduto.siamo scesi per constatare i danni,io mia moglie e mia figlia che stava seduta dietro di me.Ci siamo accertati che il ciclista non si fosse fatto niente,mi sono offerto ,per precauzione ,di accompagnarlo in ospedale.Visto che non c’erano danni il ciclista è andato via ,in bicicletta.Quando siamo scesi prima dall’auto per constatare l’avvenuto,mia figlia aveva dato il numero di telefono suo per sapere se successivamente,fossero sorte qualche complicazione,ma solo in via umanitaria in quanto il ciclista aveva una certa eta.Dopo 2 giorni mi chiama un avvocato e mi dice che il vecchio era stato in ospedale ed anche dai carabinieri.Era stata fatta una denuncia penale per lesioni nei confronti di mia figlia.Era l’unica notizia che avevano di noi tre ,ne targa nè nome,ne assicurazione.Ho chiamato il giorno dopo l’avvocato del ciclista e gli ho dato tutti i miei dati e quelli dell’assicurazione,però intanto i carabinieri hanno convocato mia figlia,e hanno detto che avrebbe dovuto fare un processo,non gli hanno nemmeno voluto dire il contenuto della denuncia.Ora chiedo,è legale agire cosi?se il ciclista va a ritirare la denuncia perchè ha visto la nostra buona fede è possibile dicevo ritirare questa denuncia per non dare pensieri a mia figlia,la cui unica colpa è stata quella di voler sapere se umanamente il vecchietto aveva avuto qualche contraccolpo successivamente?.Qual’è la prassi? Grazie siamo una famiglia in pena e delusa

    • Esperto
      Esperto

      E’ legale agire così, così come è normale pagare le conseguenze di una denuncia avventata quale questa pare. Ma vai subito dal tuo avvocato, senza perdere tempo in ulteriori considerazioni e non fare niente senza il suo parere.

  34. Umberto

    Una domanda: ma esiste una assicurazione onesta? E’ utile istallare telecamere anteriori e posteriori?

    • Esperto
      Esperto

      Formalmente tutte sono oneste in quanto le leggi permettono loro di comportarsi come si comportano. Ci dovrebbe essere più tutela dell’assicurato da parte dello Stato.
      L’annunciata introduzione della “scatola nera” dovrebbe cambiare un poco le cose, ma non sono molto fiducioso, e tutti gli altri dispositivi privati installati, possono essere solo parzialmente utili in quanto hanno dubbio valore legale. In molti Paesi peraltro le “dashcam” sono essenziali per la circolazione, come in Cina ed in Russia.

      • Umberto

        Ah se ho capito bene sono come tutte le leggi ognuno le interpreta a suo comodato uso. In sintesi come è capitato a me uno si sveglia la mattina prende il mio numero di targa scrive alla mia assicurazione e la mia assicurazione che fa? Senza interpellarmi paga. E se lo stesso manda una lettera in cui dichiara che l’ho investito e sono scappato cosa succede prima che io possa dimostrare che sono innocente?…niente per prima cosa vado in galera per omissione di soccorso. Si d’accordo queste assicurazioni on line(Genertel) nel mio caso ti fanno risparmiare qualcosa ma non accettano raccomandate e mail e diffide al pagamento…inutile mandarle. Quindi in questo caso è un istigazione a delinquere e lo stato…figurati…lo stato ci dovrebbe tutelare o no?i

        • Umberto

          Per prima cosa ringrazio …almeno lei risponde. Ho consultato amici in ambito assicurativo, periti, e tutti mi dicono la stessa cosa e cioè che le assicurazioni pagano sempre una richiesta di danni… a loro non interessano le tue ragioni basta una lettera di un avvocato ed è più che sufficiente per pagare un incidente mai avvenuto. A questo punto il diavoletto si accende nella mia testa e così decido di fare anche io la stessa cosa…tanto cosa mi frega se questo è l’andazzo. Lei mi dice che non è un problema specifico delle assicurazioni on line…pienamente d’accordo essere onesti in questo paese è difficile.

        • Esperto
          Esperto

          La questione è molto spinosa ed è sbagliato anche generalizzare. Le richieste danni devono essere circostanziate e se sono false, si tratta comunque di reato di natura penale. Non sempre sono false, spesso sono dubbie o ingigantite. Il problema di base sta nella non convenienza da parte della compagnia nell’approfondire i singoli casi: questo, unito alla pratica di risarcimento diretto, crea questa anomalia. Se leggi il nostro articolo sul risarcimento diretto, trovi maggiori informazioni.

        • Esperto
          Esperto

          Non è un problema specifico delle assicurazioni online.

  35. Luca

    Salve mi ha contattato una compagniva assicurativa dicendomi che devono risarcire un sinistro causato dalla mia auto a febbraio 2016 e che vogliono fare una perizia sul mio veicolo.
    premetto che io ho acquistato l’auto a dicembre 2015 e fino a luglio 2016 non l’ho mai usata (perchè dovevo prima “demolire” quella vecchia) , è stata sempre chiusa in garage e quindi fino a luglio io non ho aperto
    nessuna assicurazione.E di conseguenza l’auto no ha subito incidenti da poi che è in mio possesso.
    Da quello che ho capito sono stato contattato dall’assicurazione del vecchio proprietario che evidentemente non ha chiuso la poliza.
    l’incidente è falso ma la macchina nell’arco della sua vita ha subito delle riparazioni quindi il perito potrebbe riscontrare un danno che in realtà è più vecchio.
    Io da questa situazione cosa rischio? il mio premio e la mia assicurazione attuale aumenteranno se si deciderà per un risarcimento?
    la mi a preoccupazione è che l’assicurazione mi tiri in mezzo a qualche processo che vorrei evitare.

    • Esperto
      Esperto

      E’ un evidente caso di errore (o di tentativo maldestro di truffa), fornisci la tua versione dei fatti a chi ti ha contattato e vedi cosa succede. Nota che, comunque, la tua polizza non entra in gioco essendo il sinistro avvenuto in un periodo in cui non eri coperto.

  36. GianCarlo

    Buongiorno, volevo descrivere la mia dissavventura, in data 26.07.2016 mi è arrivata una raccomandata dove la assicurazione di un tizio, in data 2.07.2016 mi dice che ho tamponato la sua macchina in un parcheggio e sono andato via. Dopo varie telefonate abbastanza incazzute riesco ad avere notizie su dove era avvenuto il tamponamento (in un parcheggio). Chiaramente ho chiesto come mai se avevo tamponato perchè non ero stato fermato per eventualmente compilare il CID, e mi è stao risposto che il propietario dell’auto tamponata era stato informato del fatto da una terza persona che aveva assistito al tamponamento. Chiamo la mia assicurazione che mi invita a compilare una dichiarazione di disconoscimento del fatto, però mi dice di non dichiarare ne il luogo ne l’orario ma solo che non ho tamponato nessuno quel giorno. Nella denuncia sono stati inseriti anche due miei amici che erano com me quella sera. visto che l’assicurazione dell’altro è della stessa mia compagnia assicurativa, ho paura che il sinistro venga pagato e mi aumenti la sicurazione… Chiaramente è una truffa bella e buona, ed il mio assicuratore non mi ha sicuramente rassicurato e leggendo questo forum mi convinco sempre di più che molto probabilmente verro truffato…. Io posso fare ancora qualcosa oppure sono in balia degli eventi? grazie

    • Esperto
      Esperto

      Il confine tra truffa, errore e forzatura qui è labile, magari quel giorno in quel parcheggio c’eri e qualcuno crede o gli fa comodo credere che tu abbia urtato un veicolo. Venirne fuori può essere difficile principalmente perchè il gioco non vale la candela, a meno che non se ne faccia una questione di principio. Sicuramente la visione delle due vetture fornisce spunti utili ai periti.

      • Alessandro

        Giancarlo a me è capitata la stessa identica cosa con la differenza che la mia assicurazione vuole 500 euro di franchigia pur avendo portato prove inconfutabili della mia estraneità. Io non pago l’assicurazione è la Genertel, ma poteva essere qualunque assicurazione fanno tutti così pagano senza avvisarti.

  37. Antonio

    Buongiorno, circa 1 mese fa ho fatto un incidente con la mia auto. Ero in un rettilineo a doppio senso mentre percorrevo la strada mi avvicino ad un semplice incrocio ho rallentato ma alla mia destra spunta una macchina Che era ad alta velocità e quindi non ho avuto nemmeno il tempo di frenare andando così ad impattare sul suo alterare!!! E da dire che la macchina aveva ben due segnaletiche di stop. Ora la compagnia assicuratrice della controparte mi chiede un testimone ( ma testimoni non ce ne sono) di farvi avere fattura o preventivo dei lavori da eseguire ( già fatto ) e carta di circolazione ( già fornito) ma chiedono di fornire i testimoni che non ci sono che devo fare?? Devo chiede il piacere a qualcuno di testimoniarmi?

    • Esperto
      Esperto

      Assicurati che abbiano ricevuto la documentazione e lascia perdere la richiesta di testimoni.

  38. Vincenzo

    Circa 6 anni fa o fatto un incidente sul motorino mi anno soccorso e mi a fatto la
    Lettera con un avvocato che stava stesso sul ospedale dove mi anno soccorso si è preso lui tutt’a la documentazione e i referti poi sono andato a fare determinate visite e da quel giorno non si è fatto più vivo può essere che a preso i soldi imbrogliandomi ?? Come devo fare per vedere se qualche assicurazione mi a pagata??

  39. marco

    salve,voglio raccontare un episodio che è capitato alla mia fidanzata,qualche mese fa mentre stava effettuando un parcheggio tocca leggermente una macchina li parcheggiata,un ausiliario del traffico non appena scende dalla macchina le prende la targa dicendo di aver fatto dei danni,lei guardando la macchina vede che non ci sono danni e scatta anche una foto a dimostrazione di questo,inoltre viene a chiamarmi(ero li vicino) e mi racconta il tutto e vado anche io a constatare che non ci sono effettivamente danni,salvo una righetta che molto probabilmente non ha causato nemmeno lei in quanto non era fresca…..dopo circa un mese l’assicurazione la chiama dicendo di questo danno che ci sono 200 euro da pagare,lei cade dalle nuvole visto che non aveva causato alcun danno,tra l’altro all’inizio la compagnia dice anche che hanno gia provveduto a risarcire la controparte(che scopriamo poi essere nella stessa sua assicurazione),allora decido di andare a parlare con l’assicurazione e vedendomi cambiano gia versione dicendo che ancora non hanno pagato nulla,io sento subito puzza di truffa,tra loro e questo loro assicurato che molto probabilmente è lo stesso ausilario del traffico che ha preso il numero di targa,e con questo giochetto chissà quante povere persone fanno aumentare la classe e l’altro si intasca i soldi…è davvero uno schifo cio che succede con queste assicurazioni,un onesto cittadino è mai possibile che non è tutelato per niente?io allora posso prendere il numero di targa del primo che mi capita e dire che mi ha strisciato la macchina facendomi risarcire di un danno che magari mi ero causato io qualche istante prima?????ma stiamo scherzando?andare per vie legali costerebbe sicuramente di piu,ma lasciare impuniti questi truffatormi mi da ancora piu fastidio,cosa potrei fare?di sicuro sputtanerò l’assicurazione e perderanno un cliente e non mi arrenderò finchè lo sputtanamento non gli farà perdere altri clienti perchè ho capito che vogliono a tutti i costi usare questa truffa per poter raccimolare qualche soldi,che pezzenti.

  40. Cristina

    Leggendo quello che vi è capitato mi viene da dire: “Che leggi del cavolo!”
    Ma anche io sono una di voi mio malgrado. Ho un’auto intestata a me ma che da un pò di tempo usa mia madre. Poichè l’8 giugno scadrà l’assicurazione mi viene inviato l’attestato di rischio e noto con sorpresa di aver avuto un sinistro a dicembre 2015. Stessa dinamica: una persona accusa mia madre di aver tamponato la sua auto in reteomarcia e di essere fuggita via! Lei “prontamente” ha preso il numero di targa ed ha sporto denuncia alla sua assicurazione. Il fatto che mi lascia basita è che la mia assicurazione paga il presunto sinistro senza comunicarmi nulla. In pratica colui che deve ASSICURARE me dietro lauto compenso mi pugnala alle spalle! E’ lecito che venga risarcito un sinistro con un cid monofirma senza comunicare nulla all’intestataria dell’auto e della polizza? Dove è il mio diritto alla difesa?
    Conclusione mi ritrovo la classe di merito che aumenta e l’importo della polizza che sale di circa € 200,00 senza sapere il perchè!
    Scusate lo sfogo ma non riesco a farmene una ragione e vorrei sapere se è possibile quantomeno segnalare la mia ex compagnia assicurativa all’IVASS per pratica scorretta. Grazie

    • Esperto
      Esperto

      Capisco la tua rabbia. Per spirito di principio si può fare tutto, dalle segnalazioni all’IVASS alla causa legale, il problema di base è che per sconfessare la controparte occorrono prove concrete, altrimenti è la tua parola contro la sua, che magari ha pure un testimone.

      • Dimis

        Buongiorno,
        Ho stesso problema della Cristina. Al momento di rinnovo dell’assicurazione nostro agente ci informa che la quota è aumentata a causa del sinistro di scorso settembre in quale la persona è stata risarcita in quanto noi non ci siamo opposti al fatto. Chiamo direttamente l’assicurazione e mi dice che loro hanno mandato la raccomandata ma la ricevuta di ritorno non c’e. Ovviamente noi non abbiamo ricevuto nessun avviso ne dalla assicurazione ne dall’agente e questo è dimostrabilissimo( su questo la signora dell’ufficio sinistri mi dice di denunciare l’agente perche non mi ha contattato, ha ragione?) e in oltre abbiamo anche la scatola nera installata che dimostra che in quel periodo non ci è stato neanche un mini crash e tra l’altro ero anche a lavoro quel giorno. Ma nessuno ci da ascolto ci spostano da un numero all’altro da una mail all’altra… Non so più a chi mi posso rivolgere per risolvere il fatto!

        • Esperto
          Esperto

          Se ne fate anche una questione di principio, avvaletevi di un avvocato, spesso è risolutivo in questi casi.

      • Cristina

        Si è vero che bisogna avere prove concrete ma è proprio questo il problema! Come può mia madre ricordare dove e con chi fosse quel 15 dicembre del 2015?!… magari, se la mia assicurazione mi avesse comunicato il fatto entro i giorni previsti, avremmo potuto cercare di risalire a cosa è accaduto quel giorno, se è veramente accaduto, se con mia madre in macchina c’erano altre persone, se veramente mia madre si trovava nel luogo dell’incidente….e tanti alti se…E’ questo che non mi va giù!!..La mancanza di correttezza da parte della mia assicurazione!!!…anche perchè, leggendo vari blog, ho scoperto che quanto accaduto a mia madre è uno dei classici imbrogli a danno delle persone più anziane…vittime innocenti di persone disoneste….grazie per avermi ascoltato

  41. Maria carolina pardo loarte

    Buonasera. CUANDO LA ASSICURAZIONE E LO STESSO ASSICURATORE Delle due parte . Il 16 dic. 2015 a mezzogiorno ero con la mia ventura una Lancia Ypsilon girando una piccola rotonda a velocita alla norma curando sono stato raggiunto improvisamente da un gigante camion che correva a una velocita superiore alla norma trascinandosi con violenza dal fianco con sx. Verso al muro. IN quel momento mi sentivo morire….questo camionista non freno anzi aumento la sua velocità fermandosi a 100 mt più avanti. Con la testa che mi girava e le gambe indebolite a cusa del trauma subite più le nausea e vomito non ricordo con chiarezza cosa ho risposto al vigile urbano, ero confuso. Curando arrivo l ambulanza 118 mi fanno salire mi controllano e decidenno- portarmi a pronto soccorso, solo ricordo che i vigile mi salutarti gentilmente dicendomi tranquillo qui il danno è 50 e 50. Secondo me ingiusto la valutazione del vigile il camionista era colpe 100% . Adesso dopo di 4 mese il verbale del vigile TORTO io devo pagare il danno alla mia ventura più di 5000 euro più una multa stradale perché loro sostengono che io ho riferito che ero fermo sulla curva, senza dubbio una grande bugia. La mia assicurazione da un inizio hanno mostrato indifferenza sul fatto anzi con atteggiamento prepotente e arrogante anticipavanno che il danno generato dal camion alla mia ventura lo pagavo io. Ma sono sicuro che il assicuratore al 4to. Giorno dal incidente lo cercava insistentemente al vigile….voleva sapere cosa aveva scritto il vigile in suo verbale. ….un fatto…molto sospettoso ? Mentre per parte mia il assicuratore mi diceva dovremo aspettare 4 mese anche 5 mese per sapere cosa hanno scritto in suo verbale i vigile. Prima volta che mi trova in questa situazione per favore vorrei il suo consiglio. Grazie.

    • Esperto
      Esperto

      Viste le cifre in gioco, il consiglio che posso darti è quello di rivolgerti ad un avvocato.

  42. Caruso Giuseppe

    Buon giorno,un po di tempo, fa una persona, che abita, in un condominio adiacente, mi parcheggiava la sua auto, al fianco sinistro, della mia vettura, ad una distanza, di 15 20 centimetri;impedendomi di fatto, di salire in auto.Citofono alla signora proprietaria, (fiat 600) ,per circa un ora, ma la signora ,si affaccia sul balcone, spazzandolo, ma senza rispondermi.Chiamo la polizia locale, ma dicono, che non possono intervenire, perchè è un luogo privato;stessa risposta ,,quando chiami polizia e carabinieri.Io avevo una urgenza importante e salgo in auto con fatica, facendomi male alla schiena e danneggiando, l’auto della signora.La signora, si rivolge alla mia assicurazione e ottiene la ragione.Pazzesco,io ho chiamato,ho fatto di tutto e lei non è scesa e ora ottiene il risarcimento e io una’aumento della polizza.Secondo me, è una ingiustizia,la mia assicurazione, mi ha punito, ma io non ho colpa.Comunque,cambierò assicurazione.Distinti saluti.

    • Esperto
      Esperto

      Grazie del tuo racconto, penso però che qualsiasi assicurazione ti avrebbe dato il torto. In questi casi per tutelarsi puoi sporgere una denuncia, ad esempio per violenza privata, ma vedi che sia ben circostanziata!

      • GIUSEPPE

        La ringrazio molto, per la tempestività nel rispondermi, anche, in periodo domenicale e festivo.Rinnovo, i miei più distinti saluti e buon lavoro.

  43. Damiano

    Salve questa mattina ho avuto un incidente (se così si può chiamare) la macchina davanti a me ha inchiodato ed anche io sicuro di non averla neanche toccata, invece l macchina davanti a me mette la freccia e dice di aver riportato una piccola strusciata ed il fascione posteriore era staccato dal lago guidatore…sono sicuro di non aver causato io il danno non avendo toccato la macchina davanti a me per sicurezza ho chiamato le guardie che hanno accertato i fatti e non hanno trovato danni sulla mia macchina cosa devo fare ora ?

    • Esperto
      Esperto

      Sperare che la controparte non faccia denuncia. Nel caso, riporta la tua versione dei fatti dicendo che non vi è stato urto tra le vetture.

  44. Alberti Stefano

    Buongiorno ! In breve, accusato di avere toccato in retromarcia un altra auto , con raggiro di sceneggiata fui indotto a firmare un CID con mia colpa. Il giorno seguente alla firma del CID , a mente serena ,verificai i danni alla mia auto dopo averla lavata dal fango, non risultava niente, neanche un graffio. Tramite azione legale feci inviare da un avvocato una lettera di diffida( alle due assicurazioni la mia e quella del truffatore) a non risarcire il danno. In seguito subii perizie da due uffici diversi ambedue concordanti la truffa avvenuta a mio danno.(logicamente periziarono anche l’auto del truffatore) . Volevo denunziare il truffatore ma leggendo un sito internet appresi che spetta alla mia assicurazione eventualmente denunciare il truffatore e che in effetti e’ la mia assicurazione ad essere stata truffata con l’invio di CID di incidente inesistente, sono passati ormai tre mesi dall’evento e non ho saputo piu’ niente dalle due assicurazioni ! Il mio avvocato ha richiesto l’ accesso agli atti alle due assicurazioni coinvolte(la mia e quella del truffatore) ma non ha mai ricevuto risposta! E’ corretto concludere che in seguito alle due perizie a me favorevoli la mia assicurazione congelera’ il risarcimento al truffatore e che io in questo caso non debba sporgere alcuna denuncia ?Avrei dovuto sporgere denuncia per truffa qualora l’assicurazione avesse risarcito il truffatore poiche’ in questo caso avrei avuto l’aumento di due fasce in malus ! Altra domanda : le assicurazioni chiamano in causa il truffatore quando il risarcimento da lui richiesto supera i 7.500,00 euro, sotto questa cifra” congelano” attendendo di essere chiamati in causa dal truffatore ma cio’ non avviene a truffa smascherata dalle perizie ! Sono corrette le conclusioni ? Grazie in anticipo,
    Cordiali saluti !!

    • Esperto
      Esperto

      Non posso certo sapere se il sinistro è stato chiuso o meno, ma puoi verificare la cosa con la tua compagnia. Quanto agli usi delle singole compagnie, al limite dei 7.500 e all’opportunità o meno di fare una denuncia in proprio, direi che non c’è una regola e bisogna vedere caso per caso.

  45. Toni

    Salve .. Ieri mi capitato che ho tanponato una macchina di conseguenza dal mio tamponamento lui aveva tamponato altra macchina in questo caso sarei io a pagare i danni o pure come funziona ?? Vi ringrazio anticipatamente

    • Esperto
      Esperto

      Se è assodato che la macchina al centro ha tamponato di conseguenza al tuo tamponamento, sarà la tua assicurazione a pagare i danni di entrambe le vetture. Nota che a te cambia poco, in quanto è sempre e comunque 1 malus.

  46. chiara

    buonasera, 2 giorni fa ho ricevuto tramite raccomandata una lettera dalla mia assicurazione relativa ad un sinistro avvenuto per mia colpa il 24/11/2015. oggi sono andata all’assicurazione per rispondere all’accusa dichiarandomi estranea ai fatti, mi hanno detto di attendere una loro risposta e poi vedremo come fare.
    le cose singolari scoperte oggi all’ufficio sono:
    – incidente senza collisione, una mia manovra avrebbe indotto la persona 1 su una macchina a tamponare la persona 2 su un motorino.
    – la denuncia per ora è arrivata solo dalla persona 1.
    – presunto incidente avvenuto 4 mesi fa e denunciato solo a metà febbraio
    – nella lettera e nelle informazioni online che ha consultato l’assicurazione in mia presenza non vengono citati nè la via della città nè l’orario.
    – ho contattato la polizia municipale questa mattina e non risulta alcun verbale a nome delle 2 persone coinvolte.
    – l’assicurazione mi ha detto che a pagare sarà la compagnia di chi vince (chi ha subito il danno, quindi la persona 1) e che noi possiamo dichiararci estranei ma non possiamo obbligarli a non pagare…questo passaggio mi rimane davvero poco chiaro… credo che prima si debba capire chi “vinca” e io ho cmq sempre saputo che a pagare è la compagnia del “colpevole”…

    come posso tutelarmi oltre a rispondere la mia estraneità ai fatti?

    ps: non voglio pensare ad un coinvolgimento generale nella questione, ma casualmente sono stata contattata dalla mia attuale compagnia, con cui ero già stata assicurata in passato con premi molto alti, proprio prima dell’ultimo rinnovo e mi è stato proposto un premio davvero conveniente rispetto ad altri per cui ho deciso di tornare con loro. guarda caso ora è successa questa cosa, mai sentita negli 8 anni precendenti con nessun’altra compagnia. sarà solo un caso…ma è singolare!

    grazie

    • Esperto
      Esperto

      Sono fatti che accadono indipendentemente dalla compagnia, semmai una buona compagnia ti supporta meglio. Nel caso specifico, mi pare che il tuo agente faccia già in partenza un poco di confusione in quanto paga la compagnia di chi “vince” solo se si fa il risarcimento diretto, che qui non sembra poter essere applicato, dato che vi sono 3 veicoli, e comunque la somma viene risarcita poi dalla compagnia di chi ha il torto. Dai fatti che mi esponi ti dico che è bene seguire il caso e pure in maniera efficace in quanto sono alte le probabilità di avere un malus se non fai valere le tue ragioni.

      • chiara

        grazie per la risposta, in realtà facendo mente locale e consultando le varie agende del lavoro, ci siamo accorti di avere fissato in quella data un appuntamento fuori città per cui avevamo utilizzato l’auto, e non nella città del presunto incidente. al momento mi sono solo dichiarata estranea ai fatti, ma anche secondo l’agente la controparte probabilmente produrrà una testimonianza che sostenga la loro tesi. a questo punto posso rispondere con altra dichiarazione a mio favore da parte della persona che era via con me per lavoro quel giorno con l’auto? come può funzionare se è la parola di uno contro un altro? in questo caso posso richiedere una prova più concreta della testimonianza come una ripresa video? grazie

        • Esperto
          Esperto

          Capisco i tuoi dubbi e ti dico che spesso in questi casi è dura far valere le proprie ragioni. Un avvocato potrebbe aiutare, ma ovviamente ha un costo.

  47. Stefano

    Buonasera
    Il giorno 14/01/2015 ricevo una lettera dalla mia compagnia di asscurazione dicendomi che è stato richiesto il risarcimento per una denuncia di sinistro avvenuto il 18/12/2015.
    Entro tre giorni faccio come richiestomi dalla mia compagnia, Disconoscimento, testimonianze, badge orario di lavoro, e richiesta accesso agli atti ai sensi…. n 191.
    Ricevo gli atti dall’assicurazione e vedo che l’incidente causato da due autoveicoli non il mio, ma con il n.di targa diverso dal mio per, una lettera, io ho la Y ma la targa vera ha una X.
    Contatto l’avvocato che ha preso le parti dell’assitito e dell’assicurato mi ha subito richiamato dicendomi che avevano sbagliato una lettera della targa e che avrebbe rifatto la denuncia.
    Come ho ricevuto gli atti in automatico li ha ricevuti fin dall’inizio anche la mia assicurazione.
    Chiedo per questi sbagli oltre a non assicurarsi più il prossimo anno avendo tre autoveicoli bisogna segnalarlo a chi ?

    • Esperto
      Esperto

      Ritieni che sia stato un errore della tua compagnia o di chi altri?
      In ogni caso, sembra una mera svista, e non vedo necessità di segnalare alcunché.

  48. Angy

    Salve, a me il 25 dicembre arriva una denuncia di sinistro risalente al 10 in cui si afferma che io ero nella città di residenza e tamponavo un veicolo. Io invece quel giorno ero in un’altra città a lavorare. Attualmente la mia compagnia ha periziato l’auto ed ho anche fatto pervenire 2 testimonianze oltre al documento della mia presenza a lavoro (nello specifico timbrature). L’8 gennaio abbiamo fatto richiesta di accesso agli atti con relativa estraneità all’evento. L’impresa di controparte mi ha detto di voler periziare la mia auto ed attualmente non si sono più fatti sentire. Cosa potrei fare per tutelarmi? Si possono ottenere un risarcimento danni? Dovrei anche denunciare alle Autorità? Grazie anticipatamente. ANGY

    • Esperto
      Esperto

      Situazione decisamente anomala, potrebbe anche trattarsi di un mero errore. Io cercherei in questi giorni di ricavare informazioni, soprattutto dalla assicurazione della controparte e dal perito, se non ci vedi chiaro sporgi una denuncia alle Autorità .

  49. massimo

    Buongiorno vorrei segnalarvi il mio caso sono un uomo di 70 anni pensionato proprietario di un auto e circa qualche mese fa mio figlio da un’auto in retromarcia subiva leggero danno al paraurti e poi andava via mio figlio non riuscendo a prendere il numero di targa si rivolge ad un testimone passante chiedendogli se avesse preso la targa e gli lascia il suo numero di telefono in quanto non aveva con se il cellulare. dopo qualche tempo il testimone lo chiama e gli comunica il numero di targa e si dichiara disponibile a testimoniare, premetto che si tratta di un danno di circa 250 euro considerato che le assicurazioni su un preventivo di 500 offrono sempre la meta’ o quasi. chiedo al mio legale di indagare chi fosse il proprietario al fine di trovare una conciliazione ma il mio avvocato ha aperto il sinistro premetto che non ho firmato nulla. al momento di periziare l’auto il perito dice che la controparte nega l’evento ed ha anche un dispositivo elettronico credo si chiami scatola nera da cui risulterebbe che l’auto non si trovava in quel luogo, con tono aggressivo minacciandomi di rischio denuncia. premesso che non mi e’ capitata mai una situazione simile dato che sono anziano ed integerrimo e mio figlio e’ preciso alla guida tant’e’ che sono nella miglior categoria della compagnia. chiedo consiglio su come comportarmi, intanto non ho problemi a ripararmi l’auto da me considerata la somma esigua e vorrei rinunciare al risarcimento perche’ temo che il testimone abbia preso una svista nel segnare la targa. vi ringrazio in anticipo per il vostro consiglio

    • Esperto
      Esperto

      In effetti se non avete la certezza della targa, meglio lasciare perdere!

  50. Andrea

    Ciao a me è successa questa cosa: qualche settimana fa ero in coda su una strada molto trafficata e nel ripartire distrattamente sono andato a tamponare lievemente la macchina dinnanzi alla mia, quindi questione che non percorrevo manco la velocità di 15km/h era esattamente in ripartenza…cosi sono sceso dall’auto x verificare l’accaduto e per parlare con la persona della macchina tamponata…controllando gli eventuali danni comunque notiamo un lieve graffio nella parte bassa della sua macchina che se ne sarebbe potuto venire anche con l’applicazione della pasta abrasiva, in ogni caso mi propongo x ripagarle il danno accordandoci e l’altra parte mi da conferma che mi avrebbe appunto richiamato a tal fine….il mio errore dovuto alla mia inesperienza (dato che ho avuto da poco la patente) è stato di non prendere alcun dato della persona e nemmeno aver fatto foto….a distanza di qualche settimana circa 3-4 giorni fa mi è arrivata la lettera dal suo legale dicendomi della denuncia e citandomi per lesioni fisiche (che il soggetto effettivamente non aveva mia avuto durante l’incidente) invitandomi a risarcire danni, auto e spese legali altrimenti avrebbe continuato in giudizio…..ah tutto ciò aggiungendo un testimone (FALSO) all’accaduto che non è mai esistito visto che cmq la donna subito dopo è andata via come me, mentre sa quanto dice la lettera del suo legale tale testimone si è fermato a soccorrere….cosa mi consigliate di fare?

    • Esperto
      Esperto

      Fai leggere la lettera da un tuo avvocato, il quale, presumo, ti suggerirà di aprire il sinistro presso la tua assicurazione e risponderà alla controparte dicendo di rivolgersi alla tua assicurazione. Non credo che eviterai di dover pagare il danno, ma almeno evita di pagarlo di tasca, se è consistente!

  51. John

    Buongiorno,
    volevo condividere con Voi ciò che mi è accaduto il 31 Dicembre scorso.

    Ero fermo ad un semaforo, parte il verde, e io parto prima dell’auto avanti a me, quindi l’ho leggermente tamponata (che sarà stato? 10/15 km/h??).
    Scendiamo dalle auto e valutiamo i danni. Da premettere che l’automobilista in questione è una donna incinta; io invece in quel momento guidavo l’auto di mio padre (che attualmente non sa niente dell’accaduto).
    Il paraurti posteriore dell’auto in questione già aveva un danno (a mio avviso di un palo preso in retromarcia), ma la donna in questione dice che le ho tamponato il paraurti posteriore nella zona della targa facendolo rientrare all’interno, mentre nella parte superiore già aveva il danno. Io lì per lì, avendo sentito “la botta” del tamponamento, le ho confermato che sì l’avevo tamponata, ma mi sembrava assurdo di averle causato il danno nei pressi della targa, anche perchè il paraurti anteriore della mia auto NON HA AVUTO COMPLETAMENTE NESSUN DANNO. Non abbiamo fatto il CID ne niente, quindi ci siamo scambiati i numeri di telefono e i numeri di targa. Ho le foto delle due auto, e misà che vogliono farmi una mezza truffa.

    Dopo 20 giorni circa mi contatta dicendomi che aveva sentito il suo carrozziere e che ci vogliono 300€ per aggiustare il danno. Successivamente ci siamo visti e io le ho detto che dal mio punto di vista 300€ sono troppi per quel danno. Siamo rimasti che ci aggiornavamo a giorni…
    Adesso non so davvero come comportarmi… A mio padre non ho detto nulla perchè pensavo di saper gestire da solo la situazione. Ma arrivati a questo punto davvero non so come comportarmi. Aiutatemi!
    Voi che dite? Devo darle i 300€ e farmi fare una carta scritta che non mi fanno la lettera? O cos’altro posso fare??

    Grazie anticipatamente per la pazienza nel leggere l’accaduto e per la risposta!

    • Esperto
      Esperto

      Questo non è un caso di “incidente falso”. E’ sempre difficile valutare da dietro una tastiera, ma forse non è neanche un caso di danno gonfiato. Ricordiamoci che i paraurti moderni si danneggiando internamento anche senza danni visibili ed è giusto che chi è stato tamponato voglia la riparazione del danno, fosse anche un graffio. Cosa fare? Prova a offrire un po’ meno e fatti rilasciare una ricevuta di nulla più avere, così eviti di coinvolgere l’assicurazione e tuo padre, se vuoi evitare la cosa.

  52. Federica

    Buongiorno
    Mio padre è stato coinvolto in un sinistro mai avvenuto. In seguito ad un aumento ingiustificato del premio assicurativo mio padre chiama l’ agenzia dove gli comunicano di un sinistro avvenuto in aprile 2013.
    Praticamente un auto parcheggiata accanto a quella di mio padre lo ha denunciato per avergli strusciato la fiancata. Ora per prima cosa mio padre non è stato artefice del sinistro, in secondo luogo come si può denunciare una persona per uno strusciamento in parcheggio pubblico senza avere la certezza che sia stata proprio quell’auto? E come fa l’assicurazione a pagare in totale assenza di testimoni? Inoltre loro asseriscono di aver mandato una raccomandata (mai arrivata) e che in assenza di risposta da parte di mio padre hanno pensato in un “tacito consenso” ma dico una telefonata no? Visto che è loro cliente da 25 anni? Ora mio padre ha firmato un foglio di disconoscimento e partirà un’indagine…ma intanto deve pagare!!

    • Esperto
      Esperto

      Caso, purtroppo, frequente… da quando c’è il risarcimento diretto questi casi sono aumentati!

      • Federica

        Quindi mi scusi, ma è “lecito” denunciare il malcapitato di turno che ha la sfortuna di averti parcheggiato accanto?
        Prima non ho specificato che si tratta di una strada privata di un condominio (con posti auto NON assegnati)
        Come può l’assicurazione pagare per un danno di cui non ha la piena certezza sia stato commesso dall’assicurato? E perchè se il sinistro è avvenuto nel 2013 è stato pagato nel 2015?

        Che altro si può fare??

        Grazie

        • Esperto
          Esperto

          Si è lecito, il problema è che ci sono poche verifiche e controlli perché costano e alle compagnie spesso costa meno pagare il danno. La questione è spinosa e ormai anche di vecchia data. Per difendersi occorre tanto spirito di principio, perché in genere non conviene tra costi di avvocati e tempo perso. Senza contare che non è per niente facile avere ragione, in quanto è la tua parola contro quella della controparte, che magari ha anche un testimone.

  53. paolo

    Buonasera. Oggi è arrivata a mio padre di ottanta anni (il proprietario della macchina è lui) una raccomandata di una lettera di richiesta danni per un sinistro avvenuto 20 giorni fa. Nella lettera inviataci dalla nostra assicurazione ci chiedono di effettuare regolare denuncia di sinistro. è evidente che stiano provando a truffarci perché non c’è stato nessuno danno. l’episodio è accaduto in questo modo: la macchina la guidava la mia ragazza (incinta al 9 mese) che, in coda con altre macchine a un parcheggio ha arretrato molto lentamente per permettere a un’altra di uscire. Mentre arretrava ha toccato leggermente la macchina che veniva da dietro e che non manteneva distanza e non si è fermata. La mia ragazza è subito scesa per scusarsi e vedere se avesse fatto danni ma ha visto che non c’era nemmeno un graffio, nulla su entrambe le macchine. La conducente di dietro, una signora rumena col marito ha invece iniziato a urlare il marito ad offendere la mia ragazza e ad avanzare risarcimento per un graffio sotto al fanale che era impossibile avesse procurato lei perché proprio in un’altra posizione. Ha continuato così per un po’. Quando la mia ragazza ha visto che non riusciva a calmarli e a cercare di risolvere la situazione in altro modo, ma anzi continuavano ad aggredirla sempre di più, si è rimessa in macchina e ha lasciato perdere. Ora, c’è da dire che sicuramente ha sbagliato perché magari doveva chiedere l’aiuto di qualcuno o chiamare i carabinieri ma non ha esperienza e non c’era nessun danno. Sì è fidata in buona fede che i tipi si calmassero e ragionassero meglio. Non era successo nulla. nessun danno, di nessun tipo.
    Che cosa bisogna fare? cosa consigliate?

    • Esperto
      Esperto

      Temo che non potrete sottrarvi al fare la denuncia, dichiarando la vostra versione dei fatti e soprattutto specificando che non vi erano danni visibili, e poi sperare nel buon senso del perito.

  54. gennaro

    lettera di sinistro mai avvenuto,ho effettuato regoilare disconoscimento dei fatti e presentato attestato no crash del giorno del presunto sinistro della scatola nera, poi ho saputo quando sono andato a pagare la polizza in scadenza che avevano pagato il sinistro e xche l arbitrato aveva dato ragione all altra persona perche aveva prodotto un testimone oculare.
    per un incidente Mai accaduto mi hanno aumentato di due classi e piu del 50%.
    Non ho avuto kla possibilità di difesa e la mia assicurazione non ha tutelato i miei diritti.
    l Assicuarazione è la Vittoria e non sono per niente soddisfatto di come si sono svolti i fatti ,mi trovo apagare per un sinistro mai accaduto.
    gennaro

    • Esperto
      Esperto

      Quindi, confermi che neanche la scatola nera è servita a discolparti?

      • gennaro

        ho chiesto l importo del danno pagato . mi è arrivato oggi euro 1000 di danni sono stai pagati 1500 con tutte le spese. con una scatola nera che attesto nessun sinistro hanno pagato e mi hanno dato 2 classi in piu ,chiaramente una truffa ai mie danni .ho pensato di interpellare i tecnici di octo telematics e vedere se mi fanno una dichiarazione in cui un evento al di sotto di 1 g non può provocare i danni pagati.
        ciao

      • gennaro

        sono di napoli è una truffa ai miei danni l asicurazione mi avra anche mandato la comunicazione degli atti dopo mia richiesta scritta ,ma io non ne sono in possesso.
        la scatola nera dichiarava che in quel giorno non sono avvenuti incidenti ma che non regista eventi al di sotto di 1g ,ho chiesto il danno pagato e spiegando che se questi fosse elevato sarebbe stata sicuramente una prova della mia innocenza.
        comunque mi hanno aumentato di 2 classi .

        • Esperto
          Esperto

          …. senza parole!

  55. GIANNI

    e capitato anche a me una lettera raccomandata dall assicurazione x un sinistro che io non avevo mai commesso , l auto descritta non era la mia era un altro modello ,ho firmato un foglio dove dichiaravo che nn avevo mai firmato un cid e mi ritenevo estraneo ai fatti ,poi sono riuscito a contattare con i dati della targa il denunciante ,che mi ha detto che c era stato un errore nello scrivere la targa MA NN MI HA VOLUTO DIRE IL NUMERO DELLA TARGA CHE ASSOMIGLIAVA ALLA MIA , io penso a una truffa ne sono sicuro , e spero che la cosa sia finita li ,

    • Esperto
      Esperto

      E noi lo speriamo con te, facci sapere se ci sarà un seguito!

  56. Maria

    Un giorno di settembre mentre andavo al lavoro ho tamponato con un suv con la mia 500.
    La persona è scesa dall’auto e mi ha chiesto di spostarci dalla strada e di fare le cose di fretta “perchè aveva un importante impegno di lavoro”.
    Ci siamo accostati al bordo strada e ho parcheggiato davanti alla su auto.
    Sono scesa per osservare attentamente se ci fossero danni ma la macchina non aveva nulla, anzi il danno lo ha subìto la mia.
    Vista la mia inesperienza volevo fare le cose per bene (anche se mi avrebbe comportato un aumento della polizza) e chiamare i Vigili in quanto nessuno dei due aveva un modulo CAI da compilare.
    Ma la controparte aveva fretta e constatando che non c’erano danni ha deciso solo di scambiarsi il num di telefono “che al massimo ci saremmo risentiti”.
    Passano i giorni e le settimane e nessuno mi chiama. Allora porto la mia macchina a farla sistemare.
    Dopo due mesi dall’accaduto mi arriva la lettera dalla mia assicurazione che mi informa di una denuncia di sinistro e che vogliono la mia versione dei fatti.
    Ora questa persona come fa a dire che io ho causato un danno alla sua auto? Chi mi dice che non è andata a finire in retro su un muretto?

    • Esperto
      Esperto

      Non hai scelta: fornisci la tua versione dei fatti e, se le hai, allega foto, testimoni e quant altro.

  57. Maria

    Salve,
    la mia assicurazione mi comunica di aver ricevuto da un altra agenzia assicurativa, la denuncia per un provocato incidente. Dato che il fatto non è avvenuto, mi chiede di compilare in giornata un modulo di disconoscimento del sinistro sul quale è indicata solamente la targa dei veicoli coinvolti e la data.
    Ho chiesto spiegazioni alla mia assicurazione ma dice che per la privacy non puo’ dirmi altro.
    Allora ho indagato da me contattando l’altra assicurazione, la quale mi spiega che avrei tamponato un veicolo in sosta a Roma, il denunciante non indica ora e luogo.
    E’ assurdo che devo dimostrare io che il tamponamento non è avvenuto, ma se non so dove quando e come come faccio a difendermi? e’ legale prendere in carico una denuncia cosi blanda, senza nessun dettaglio? A chi devo richiedere queste informazioni per tutelarmi da un episodio che non è mai accaduto?

    • Esperto
      Esperto

      Siamo in Italia…. che fare? Secondo me, la tua compagnia sbaglia a non darti gli estremi del sinistro, essendo tu potenzialmente coinvolto, comunque tu puoi fare un disconoscimento generico, indicando che in quel giorno non hai avuto alcun sinistro. Ma aspettati il peggio, ovvero che il sinistro venga liquidato comunque.

  58. Mario

    Ciao un’anno fa siamo caduti dal motorino e io ero come passeggero…mi sono operato a ginocchio ..e ho fatto causa all’assicurazione. ..pochi giorni fa e venuto a casa un agente dell’assicurazione…facendomi firmare un foglio dicendo che era x dire che lui era passato. ..io sinceramente non l ho letto. …il dubbio mi e sorto nei giorni seguenti poteva esserci scritto che volevo togliere tutto da mezzo..o e’ impossibile? ? Grazie in anticipo

    • Esperto
      Esperto

      E come posso rispondere?! Prova a farti rilasciare una copia!

  59. Daniele

    Anni fa mio zio per cattive condizioni del manto stradale, buche grandi come il gran canion cade dalla sua vespa, purtroppo non indossando il casco, subisce un trauma che gli causa emorragia celebrale e dopo 2 interventi è comunque deceduto. L’ assicurazione paga il decesso ma convinti che la responsabilità fosse anche del gestore del tratto di strada viene chiamata in causa la regione. Purtroppo il verbale dei vigili dichiara che mio zio è caduto per il vento forte ma nelle foto dei vigili (scattate in modo superficiale) si vede in bella vista una buca che attraversa la carreggiata e in direzione del senso di marcia la vespa e le macchie di sangue. L’ avvocato è riuscito a reperire al momento dell’incidente la velocità del vento, 6kmh. Tenendo conto che i vigili non erano presenti (purtroppo nessun testimone) come possono dichiarare qualcosa a cui non erano presenti, quando loro sono arrivati mio zio era già in viaggio per l’ospedale. In seguito all’incidente (dopo 2 giorni circa) sono dovuto andare personalmente sul luogo dell’incidente a fotografare la situazione reale e darle in mano all’avvocato. Manto dissestato, banchina stradale sollevata di 15 cm rispetto al terreno circostante e le macchie di sangue (orribile sapere che li mio zio ha perso la vita).
    Come posso agire tenendo conto che questo vigile che ha dichiarato ovviamente il falso?

    • Esperto
      Esperto

      Il verbale dei vigili è uno dei dati tra tanti. Un bravo avvocato saprà certamente come affrontare la questione.

  60. Roberto Nasca

    Salve, mi è successo questo: ho tamponato leggermente un auto parcheggiata sulla corsia preferenziale dell autobus ma mi sono offerto di pagare direttamente il danno. Il carrozziere mi ha fatto un preventivo e mi ha detto che ci saremmo sentiti al momento della riparazione. Il mio dubbio è questo: visto che il carrozziere mi ha fatto compilare comunque il cid, come posso sapere se oltre a pagare in contanti sia stato richiesto un risarcimento anche all’assicurazione con conseguente aumento del malus?

    • Esperto
      Esperto

      Contestualmente al pagamento, fatti firmare una liberatoria e fatti ridare tutti i moduli del CID. Se si rifiutano, allora la cosa puzza…

Vuoi chiederci qualcosa?

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)