Risarcimento Diretto assicurazione: come funziona e problemi - Pag.2

RCA Risarcimento Diretto
Risarcimento Diretto: il modulo CID non è obbligatorio ma velocizza!

Avete subito un sinistro con ragione? Scatta il “risarcimento diretto”, ma con lui alcuni problemi! Vediamo se e come e funziona la nuova procedura ed i problemi correlati. Attenzione alle truffe e entità dei risarcimenti.

Questo articolo ha avuto molti commenti con risposte del nostro esperto, per praticita' li abbiamo divisi in piu' pagine. Questa e' una delle pagine dei commenti, cerca qui sotto se trovi la risposta alla tua domanda! L'articolo originale lo trovi qui: Risarcimento Diretto assicurazione: come funziona e problemi .

148 commenti

VUOI FARE UNA DOMANDA? VAI IN FONDO ALLA PAGINA, OPPURE RISPONDI AI TUOI MESSAGGI PRECEDENTI
  1. Avatar
    davide

    in aprile venivo tamponato da un veicolo, compilato il cid ed avvalendomi dell’indenizzo diretto, a seguito di questo portavo l’auto in carrozzeria per la riparazione ; l’autorizzazione dalla assicurazione (la mia) arrivava ben oltre dopo un mese, in pratica sono rimasto senza auto (in attesa della riparazione) per quasi due mesi.
    Al momento dell’impatto hjo sentito in auto una gran puzza di bruciato e l’acccendersi della spia airbag.
    La diagnostica ha rilevato l’intervento dei pretesionatori delle cinture ( a seguito dell’urto) e che quindi deve essere sostituita anche quella parte
    L’ assicurazione (la mia, che dovrebbe tutelarmi) riteneva che, sulla base di quanto dichiarato dal perito (sulla cui preparazione dubito, si capirà dopo perchè) non ci può essere correlazione tra un urto sul posteriore e l’intervento del dispositivo, anzi lo stesso perito dichiarò scocciato (telefonicamente) che una situazione del genere può essere attribuita solo ad una anomali/difetto del sistema montato sulla mia auto.
    Interpellata da me, la casa costruttrice dichiara (con mail scritta) la perfetta correlazione tra la logica di funzionamento e il tipo di urto contraddicendo praticamente quanto asserito dal “perito”.
    Ho inviato la dichiarazione all’assicurazione per avere il risarcimento anche di questo danno.
    E’ il caso di rivolgermi ad un legale per eventuali strascichi?
    ringrazio

    • Esperto
      Esperto

      Per adesso attendi la risposta… certo che oggi come oggi avere un risarcimento congruo da una assicurazione è una vera impresa!

      • Avatar
        davide

        ok, mi è stato detto che il documento sarà sottoposto al liquidatore.
        In caso di controversia, posso fare richiesta di accedere alla tutela legale della polizza anche se ho fatto l’indenizzo diretto? ho letto di sentenze che annullano la clausola presente nei fogli informativi (contratti).
        In questo caso ci si può “fidare” ad appoggiarsi ad un legale della compagnia o è meglio agire con uno esterno?
        ringrazio

        • Esperto
          Esperto

          Mah… uno esterno è sicuramente preferibile, ma ha anche un costo… se paghi tu, sceglilo tu.

  2. Avatar
    Claudio

    A gennaio 2015 un TIR polacco facendo retromarcia ha urtato la mia auto.
    Abbiamo compilato il cid di buon accordo ed io il giorno dopo ho portato la copia di mia competenza alla mia
    assicurazione che ha provveduto immediatamente di inviare il tutto all’UCI.
    Dopo circa 2 mesi (a marzo) la mia assicurazione mi invita a portare l’auto dal carrozziere convenzionato.
    Oggi 14/07/2015 la mia assicurazione mi informa che l’assicurazione estera non provvederà al rimborso
    perchè il CID non è compilato bene (non è crociata la caseela 14 -RETROCEDEVA- dalla parte del TIR.
    Può la mia assicurazione pretendere qualcosa?
    Penso che doveva controllare bene il CID ed informarmi dell’errore nel qual caso io avrei potuto non
    riparare l’auto.
    Grazie

    • Esperto
      Esperto

      Accidenti, ti sei dimenticato la casella più importante, quella che ti dava ragione!! Assicurati che sia messa agli atti la tua dichiarazione del fatto che retrocedeva, altrimenti ti prendi anche la colpa per tamponamento! A questo punto mi aspetterei un concorso di colpa al 50.

  3. Avatar
    Giacomo

    Salve, in effetti non avevo ben chiaro il funzionamento del risarcimento diretto. Vorrei porre un paio di quesiti :

    1) Cosa succede in tutti quei sinistri in cui le responsabilità sono ancora in corso di definizione? La mia ragazza mesi fa ha avuto un sinistro, e il conducente antagonista, a suo dire, avrebbe ragione, ma a quanto sembra la sua compagnia gli avrebbe negato il risarcimento diretto, tant’è che a distanza di 3 mesi la pratica ancora non è chiusa.
    2) Se tra i responsabili c’è anche (o solo) l’ ente custode della strada, e ciò viene comprovato nelle idonee sedi giudiziarie civili ed eventualmente penali, cosa avviene?
    Grazie.

    • Esperto
      Esperto

      1- Una volta definita e la pratica, si saprà chi ha ragione e chi ha torto e deve pagare… con il risarcimento diretto la differenza è che a liquidare è la compagnia di chi ha ragione, che poi richiederà il denaro a quella della controparte.
      2- Il danno deve essere richiesto all’assicurazione dell’Ente. Se è rilevante, meglio avvalersi da subito di un avvocato, in genere sono soldi spesi bene…

      • Avatar
        Giacomo

        Quindi nel secondo caso sono io a dovermi attivare presso l’ assicurazione dell’ Ente, non vale un risarcimento diretto in cui la mia compagnia mi rimborsa e poi si rivale su quella dell’ Ente. Peccato…

  4. Avatar
    CHICCO

    Salve, mi ha chiamato la mia assicurazione e mi ha comunicato di aver tamponato un’auto qualche mese fa e che, avendo torto, la mia stessa assicurazione deve provvedere al risarcimento diretto ovvero all’assicurazione dell’auto “tamponata”. Ma io non avuto incidenti né tantomeno ho tamponato qualcuno da almeno 3 anni, mi domando perché la mia assicurazione deve pagare con consegenze negative per me?

    • Esperto
      Esperto

      Informa tempestivamente la tua assicurazione dell’accaduto e cerca di avere i dati dell’incidente, in modo da poterli contestare. Se necessario, avvaliti dell’aiuto di un avvocato.

  5. admin
    admin

    Donato: il punteggio di invalidità per un infortunio del genere (che suppongo e spero non abbia gravi ripercussioni sulla funzionalità dell’arto) è piuttosto basso, secondo me può variare da 0 a 5 punti al massimo.

  6. Avatar
    donato

    sono stato investito 4 mesi fà con rottura a 3 parti del piatto tibbiale, sono stato operato e ingessato per 1 mese,devo fare visita legale e vorrei sapere a che punteggio potrei arrivare.

Vuoi chiederci qualcosa?

Nome e Commento saranno pubblicati. La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
I tuoi dati sono trattati nel rispetto della privacy.